| categoria: attualità, Senza categoria

A Sulmona l’addio a Fabrizia

Fabrizia Di Lorenzo funeralSi è svolto a Sulmona il funerale di Fabrizia Di Lorenzo, la ragazza di 31 anni uccisa nell’attentato a Berlino. Anche all’uscita dalla chiesa un lungo applauso ha accolto il feretro: dietro la bara i genitori, poco dopo è apparso anche il Capo dello Stato Mattarella. La salma è stata trasportata nel cimitero di Sulmona per la tumulazione con cerimonia privata.

Nell’omelia il vescovo della diocesi di Sulmona Valva, mons. Angelo Spina ha detto: “Fabrizia Di Lorenzo come un angelo con le ali aperte: lei che amava la vita con tanti ideali e molti valori, ha dovuto lasciare questa terra che non riesce a dare speranza a questi giovani per il lavoro. Di fronte al mistero della morte la nostra ragione si ferma – ha proseguito – Dona conforto ai tuoi genitori guarda i giovani e questa nostra terra. Prega per loro e fa loro capire quando è prezioso il dono della vita perché tutti diventino ambasciatori di pace”.

Il lutto cittadino proclamato dal sindaco di Sulmona, Annamaria Casini, “in segno di rispetto e partecipazione al profondo dolore della famiglia e della comunità sulmonese”. In chiesa non è consentito l’ingresso di telecamere e fotografi.

La salma di Fabrizia Di Lorenzo è tornata in Italia il 24 dicembre. Ad accogliere all’aeroporto militare di Ciampino il rientro della salma c’erano, tra gli altri, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il ministro della Difesa Roberta Pinotti, il presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso e il sindaco di Sulmona Annamaria Casini.

Un lungo abbraccio del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha concluso l’incontro che i genitori e il fratello di Fabrizia hanno avuto col capo dello stato all’aeroporto di Ciampino. Il padre Gaetano, la madre Giovanna e il fratello Gerardo, scesi dall’aereo, hanno trovato sottobordo un pulmino dell’Aeronautica militare che li ha accompagnati fino all’ingresso dell’aerea riservata al 31° Stormo dell’Aeronautica militare. Qui i familiari della giovane di Sulmona morta nell’attentato di lunedì scorso a Berlino, sono stati accolti dal presidente Mattarella e dalle altre autorità presenti.

Nel frattempo dal portellone posteriore del velivolo è stato sbarcato il feretro che è stato successivamente posizionato a bordo di un carro funebre. Il mezzo si è quindi spostato per raggiungere il 31° Stormo. Qui, prima che la signora Giovanna, accompagnata accompagnata sottobraccio dal marito Gaetano e dal figlio Gerardo deponesse una rosa rossa sulla bara bianca adagiata all’interno del carro funebre, il cappellano militare don Michele Loda ha impartito la benedizione. Prima di lasciare l’aeroporto i familiari hanno ricevuto un lungo abbraccio da parte del presidente Mattarella.

Ti potrebbero interessare anche:

CRISI/ Saccomanni, Cancellieri, Gallo, Zagrebelski? Solo nomi in libertà
Razzismo in Serie B. Curva chiusa anche a Latina
Anas, si lavora al dopo Ciucci, nel 2016 l'approdo in Borsa
Marino fuori controllo, show in Campidoglio
Caffetteria e mega-schermi, nuovo look per l'Opera di Roma
Fabio Cannavaro verso la panchina del Tianjin Quanjian



wordpress stat