| categoria: esteri

Israele sfida l’Onu, pianificata la costruzione di 618 nuove case a Gerusalemme est

112445932-762a69e6-a0a3-4920-ad93-866f114a5d94
Il comune di Gerusalemme dovrebbe dare il via mercoledì prossimo ad un piano per la costruzione di altre 618 case nella parte est della città, quella a prevalenza araba. Il nuovo piano è stato deciso tempo fa ma la ratifica avverrebbe nel mezzo della crisi diplomatica tra Israele e i paesi che hanno votato venerdì scorso, con l’astensione degli Usa, una Risoluzione al Consiglio di sicurezza dell’Onu contro gli insediamenti ebraici in Cisgiordania e a Gerusalemme est.

Le nuove abitazioni, qualora il progetto venisse approvato saranno, riferiscono i media, così ripartite: 140 a Pisgat Zeev, 262 a Ramat Shlomo e 216 a Ramot. Secondo Aviv Tatarsky, della ong ‘Ir Amim’, citato dai media, “è ora che il governo scelga una differente politica, far avanzare Gerusalemme come casa di due popoli”. Da parte del Comune si è replicato che il municipio non ha cambiato politica e prosegue in tutte le aree della città nella costruzione di case per arabi ed ebrei”.

Ti potrebbero interessare anche:

Assange resta in "cella", confermato il mandato di cattura
Alta Corte di Germania apre al velo a scuola, l'Islam esulta
Obama in reality show, prove estreme in Alaska
Madrid, assolta l'infanta di Spagna, 6 anni a suo marito
Usa, Trump licenzia il capo dell'Fbi James Comey
Terremoto e tsumani in Indonesia, centinaia di morti



wordpress stat