| categoria: politica

EDITORIA/ Agcom, vendita dei quotidiani in calo del 9.5%

Nel mercato televisivo Rai e Mediaset si confermano ai primi posti negli ascolti (rispettivamente al 34,4% e al 32,2%), anche se in flessione dal 2012, a vantaggio di Sky e soprattutto dei canali Discovery. Lo scrive l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni nei dati dell’Osservatorio sulle comunicazioni 2016. Nel settore dell’editoria, nel mese di settembre 2016 – continua l’Agcom – la vendita di quotidiani è risultata di poco superiore a 2,6 milioni di copie, in flessione di circa il 9,5% rispetto a settembre 2015. Il quadro competitivo vede leggermente diminuire le vendite di RCS Mediagroup, mentre si rafforzano il Gruppo Editoriale l’Espresso e il gruppo Caltagirone. Nell’editoria quotidiana, tra il 2011 ed il 2015 le copie cartacee vendute giornalmente sono passate da 4,8 a 3,1 milioni di unità. La flessione dei gruppi di maggiori dimensioni è risultata di poco inferiore al 30%, mentre per gli editori di minori dimensioni la riduzione è stimabile nell’ordine del 45%. Nell’editoria periodica, le copie vendute annualmente sono diminuite del 33% passando da 1,4 miliardi nel 2011 a circa 940 milioni di unità nel 2015. Nel solo 2015 – sostiene ancora l’Autorità – si registra una flessione del 12,5%. I volumi delle copie digitali dei periodici editi in formato cartaceo anche se in crescita di oltre il 15% nel 2015, rimangono marginali rispetto alle copie cartacee (il 2,5% nel 2015). Circa il 50% delle imprese che hanno trasmesso i dati alla IES svolge la propria attività nell’editoria quotidiana e periodica. Le prime 20 imprese editoriali censite detengono oltre il 70% dei ricavi complessivi, come evidenziato dalle dichiarazioni trasmesse nel 2016. Nel settore postale, nei primi nove mesi dell’anno i ricavi complessivi sono aumentati mediamente del 2,5%, con i servizi di corriere espresso in crescita del 8,1% e quelli postali in flessione del 3,8%. I volumi dei servizi compresi nel servizio universale risultano in flessione del 15,2%, gli invii di pacchi risultano invece in crescita di oltre il 12,5%.

Ti potrebbero interessare anche:

SCHEDA/ Eccezione al voto segreto, i casi Andreotti e Lusi
SONDAGGI/ Continua il crollo del Pd. Vola la Lega di Salvini
Patto per Napoli: Renzi firma, ed è disgelo con de Magistris
Arrivi, partenze e cambi di casacca in Parlamento
Legge di bilancio: Pisapia da Gentiloni
FOCUS/ M5S RASSICURA COLLE,NO A STRAPPI MA AVANTI PARAGONE



wordpress stat