| categoria: economia

Istat, più fiducia delle famiglie, giù quella delle imprese

A dicembre 2016 migliora il clima di fiducia dei consumatori, mentre peggiora quello delle imprese. L’indice dei consumatori, rileva l’Istat, sale da 108,1 a 111,1, con progressi diffusi a tutte le componenti della fiducia, che torna sul livello di luglio 2016. L’indice composito del clima delle imprese Iesi scende, invece, da 101,4 a 100,3. Le dinamiche settoriali sono diversificate. Peggiora, infatti, la fiducia nei servizi e nelle costruzioni, cresce nella manifattura e nel commercio al dettaglio.
Per quanto riguarda i consumatori, il clima economico passa da 127,6 a 133,8. Il clima personale e quello corrente salgono per il secondo mese consecutivo passando, rispettivamente, da 101,3 a 102,7 e da 103,7 a 106,2. La componente futura torna ad aumentare nel mese di dicembre (da 113,8 a 116,2), raggiungendo il livello più elevato da giugno 2016. I giudizi sulla situazione economica del Paese migliorano decisamente così come le aspettative, il cui saldo torna ad aumentare dopo sette mesi di diminuzione.

Ti potrebbero interessare anche:

La Cgil avverte: ci vorranno sessant'anni per recuperare livelli occupazionali adeguati
FOCUS/ Occhi della Ue sulla Germania, come far ripartire il cantiere in crisi
Cala la ricchezza delle famiglie, -1,2% nel 2014
Il governo fa cassa con Enel, incassati 2,2 miliardi di euro
CONVEGNI/ Gli incentivi previsti dalla Patent Box occasione di sviluppo per le imprese italiane
FRANCESCHINI APRE SIGEP, QUI SI PRODUCE CULTURA



wordpress stat