| categoria: In breve

Latina, scappa di casa: 16enne segregata e stuprata per un mese

Segregata e stuprata per un mese da un ragazzo che aveva conosciuto durante la sua fuga da casa. Dopo tre mesi di indagini i carabinieri hanno arrestato, a Santa Maria Capua Vetere, un 23enne accusato di sequestro di persona e violenza sessuale nei confronti di una ragazza di sedici anni e di un’altra ventenne. La minorenne, nell’agosto dello scorso anno, era sparita da Aprilia senza lasciare un biglietto o inviare un messaggio. La mamma lanciò l’appello per trovare la figlia, andando anche in tv alla trasmissione Chi l’ha visto?. L’allontanamento sembrava legato ad alcuni dissidi familiari, ma le cose in realtà stavano diversamente. Quella che sembrava una reazione adolescenziale, era qualcosa di ben diverso, un incubo terribile. La ragazza fu trovata dopo più di un mese alla stazione di Scauri, con alcune ferite sul corpo, ma ciò che raccontò successivamente ai carabinieri rimase riservato. La verità è emersa soltanto adesso, dopo l’arresto del presunto aguzzino, Vincenzo Cioffi. Faccia pulita, sorriso smagliante, a guardarlo nessuno potrebbe immaginare le accuse che gli vengono contestate.

Secondo la ricostruzione il giovane incontrò la ragazza in piazza Garibaldi a Napoli, dopo il suo allontanamento da casa. Inizialmente andò tutto per il verso giusto, lui sembrava gentile e premuroso agli occhi della 16enne che decise di seguirlo nella sua abitazione a Santa Maria Capua Vetere. Non proprio una casa, ma piuttosto un rudere abbandonato, una ex scuola, dove il ragazzo, con episodi di furto alle spalle, viveva insieme alla madre. Lì è iniziato il calvario per la 16enne. L’atteggiamento di Cioffi è improvvisamente cambiato, quello che sembrava un giovane premuroso e gentile si è rapidamente trasformato in un violento stupratore. Le finestre dell’edificio fatiscente erano state sigillate con delle panche di legno. All’interno è stata così ricavata la prigione dove la 16enne è stata costretta a violenze di ogni tipo. Quando si rifiutava si assecondare le richieste del suo aguzzino, veniva punita con delle sigarette spente sul seno. Umiliazioni, insulti, minacce e botte erano all’ordine del giorno, così come è stato raccontato dalla ragazza dopo essere riuscita a fuggire raggiungendo la stazione ferroviaria. Le stesse violenze che, come appurato dai carabinieri, aveva subito qualche mese prima un’altra ragazza 20enne, rimasta incinta dopo gli stupri.

Durante la segregazione, la 16enne di Aprilia si sentì male e fu accompagnata dal suo aguzzino al pronto soccorso dell’ospedale di Santa Maria Capua Vetere per delle coliche renali. La giovane però, tenuta d’occhio da Cioffi, fornì delle false generalità, indicando l’identità di una sua amica maggiorenne di Aprilia. Poi tornò nella sua prigione dove continuò a subire le violenze. Fino alla fuga che avvenne grazie a un momento di distrazione dell’aguzzino.
Dopo aver raccontato la sua drammatica esperienza, i carabinieri avviarono le delicate indagini confrontando le versioni delle due vittime. Le violenze si consumavano come descritto nell’ordinanza emessa dal gip Emilio Minio davanti alla madre del 23enne, a sua volta brutalmente picchiata dal figlio. I carabinieri sono arrivati a Cioffi confrontando delle foto segnaletiche, grazie a un particolare riferito da entrambe le vittime: un tatuaggio sul petto con la scritta I love You M. Ieri il giovane non ha risposto alle domande del giudice, mentre le indagini si concentrano su eventuali complici.

Ti potrebbero interessare anche:

ISTAT/ -0,2% occupazione nelle grandi imprese a ottobre
Migranti: fermati 8 scafisti dopo la morte di 49 persone: omicidio volontario
ROMA/ Magliana, tensione a sgombero di appartamento occupato
Omicidio Loris, la madre della vittima chiede di restare nell'ex ospedale psichiatrico
Dopo Nokia si spegne anche lo storico marchio Motorola
Madre uccide le due figlie e tenta il suicidio a Gela



wordpress stat