| categoria: salute

Troppo alcol aumenta i rischio al cuore come il fumo

Al pari di altri fattori, come diabete, pressione alta, fumo e obesità, anche l’abuso di alcol può danneggiare il cuore. Chi ha questo problema vede aumentare il rischio di fibrillazione atriale, cioè di ritmo cardiaco irregolare, di infarto e anche di insufficienza cardiaca congestizia, una condizione in cui i muscoli del cuore non riescono a pompare abbastanza sangue.

È quanto emerge da una ricerca della University of California di San Francisco, pubblicata su Journal of the American College of Cardiology. I ricercatori hanno preso in esame un database molto ampio, di tutti i residenti in California di 21 anni o più, sottoposti a interventi di emergenza, chirurgia ambulatoriale o assistenza medica ospedaliera. Tra i 14,7 milioni di pazienti nel database, l’1,8% pari a circa 268.000, sono risultati avere una diagnosi di abuso di alcol.

Dopo aver tenuto conto di altri fattori di rischio, dai risultati è emerso che l’abuso di alcool era associato ad un aumento del doppio del rischio di fibrillazione atriale, di 1,4 volte del rischio di infarto e di 2,3 volte del rischio di insufficienza cardiaca congestizia. Precedenti ricerche hanno suggerito che i livelli moderati di consumo di alcol possono aiutare a prevenire infarto e insufficienza cardiaca congestizia, mentre a livelli bassi o moderati il consumo di alcol ha dimostrato di aumentare invece l’incidenza di fibrillazione atriale evidenziano ancora gli studiosi, che sottolineano che in ogni caso l’abuso è dannoso.

Ti potrebbero interessare anche:

TUMORI/ L'abuso di alcol aumenta il rischio per gli over 65
Aragoste, frutti di mare e alcolici non fanno bene al sesso
In primavera sonno difficile per oltre quattro milioni di italiani
Meno carne, piu' legumi, la crisi ha cambiato la nostra tavola
Carenza sonno ha sul cervello lo stesso effetto della ubriachezza
Pane e olio, matrimonio perfetto che fa bene alla salute



wordpress stat