| categoria: litorale, Senza categoria

Sabaudia, il vecchio che avanza. Secci candidato sindaco per il centro destra

giovanni-secciQualcuno ha già detto, il vecchio che avanza. Ma non doveva cambiare tutto, non dovevano scendere in campo forze nuove, volti nuovi, idee nuove? E invece Sabaudia rischia di dover fare ancora i conti con la vecchia politica. Quella stessa che l’ha affossata. Il candidato del centro destra (meglio di una fetta delle forze politiche gravitano in quell’area? E’ il buon Giovanni Secci, l’uomo che a suo tempo non è riuscito a sbarrare la strada al sindaco Lucci, rimediando nel ballottaggio del 2013 il 43,9% dei suffragi. Il coordinamento “#Iostocongiovannisecci” si è costituito lo scorso 28 dicembre, un gruppo composto da “rappresentanti della società civile impegnati nei vari settori e dirigenti, ex amministratori, sostenitori, simpatizzanti di Forza Italia e del centrodestra, ma non solo”. Le solite parole e non potrebbe essere altrimenti. Si tratta di una “scelta, convinta e per nulla improvvisata, anzi oggetto di un’attenta analisi, eseguita da ciascuno, in relazione alla vita politico – amministrativa, svoltasi nella nostra città nell’ultimo quinquennio” un decisione che arriva dopo “la conflittualità, la paralisi amministrativa, l’assenza di programmazione, l’elevata pressione fiscale locale, la modesta qualità dei servizi e la sofferenza delle attività imprenditoriali in genere”. Niente primarie del centro destra, abboccamenti, contatti e spiegazioni con altre forze politiche (qualche sostegno da sinistra potrebbe arrivargli) Il primo a scendere in campo per il centro destra si espone ovviamente a tutti i rischi del caso. Non è un mistero che Lucci sta lavorando per mettere in campo una lista di uomini “suoi”, nel tentativo di perpetuare il potere che gli ha consentito di gestire Sabaudia come cosa propria. Il programma di Secci? Credibile, come lo sono tutti in questa fase della partita, c’è qualcuno che non vuole il rilancio e una ritrovata credibiltà della città pontina? In sintesi ecco alcuni punti: •Reale sostegno ed assistenza alle imprese, quale volano di crescita economica ed occupazionale;•Diffusione contagiosa dei valori di volontariato e sussidiarietà;•Cambio look della città, in particolare quello estivo e quello natalizio (un anticipo: la fontana di Piazza Circe – Parco delle Medaglie d’Oro, sarà trasformata in una fontana danzante, foriera di attrattiva e di prestigiosi eventi);•Implementazione della sicurezza mediante progetti specifici e combinati, finalizzati alla previsione ed alla prevenzione, che vedano la partecipazione oltre che delle forze dell’ordine anche della protezione civile;•Riduzione della pressione fiscale, mediante la valorizzazione del patrimonio comunale;•Contrasto all’apposizione di nuovi ingiustificati vincoli, che compromettano lo sviluppo e la ripresa economica della nostra città. E per ora è tutto. Ma sulle rive del Lago di Paola si dice che il bello deve ancora cominciare, che arriveranno le liste civiche e i nomi nuovi. Vedere per credere

Ti potrebbero interessare anche:

NAPOLI/ Arriva la Minetti, l'assessora abbandona il palco
IL PUNTO/ Berlusconi pronto allo show down, si sente già in campagna elettorale
La sanità veneta procede. Zaia presenta i nuovi vertici degli ospedali
Il ponticello della discordia al Portuense. Slitta ancora la riapertura
VATICANO/ Carta per operatori sanitaria su aborto, eutanasia, embrioni e vaccini
PALERMO/ Confessa l'assassino del clochard, gli ha dato fuoco per gelosia



wordpress stat