| categoria: politica

L’Ue chiede correzione 0,2 punti di Pil

“Lo scostamento che secondo la Commissione andrebbe corretto è stimato in due decimi di punto di Pil. Siamo in contatto con la Commissione e nei prossimi giorni faremo le valutazioni del caso. Se, come e quando intervenire verrà deciso dal Governo nei prossimi giorni”. Lo affermano fonti del ministero dell’Economia, dopo l’arrivo della lettera della Commissione Ue. Ad annunciare l’invio della lettera a Roma è stata la portavoce della Commissione Margaritis Schinas al termine del collegio dei commissari a Strasburgo.
In merito alle questioni economiche, il Governo italiano vorrebbe evitare l’obbligo di presentare misure entro il primo febbraio, come invece la Commissione aveva previsto considerato che quel giorno saranno pubblicate le nuove previsioni sull’andamento dei conti dei Paesi dell’Eurozona. Bruxelles vuole la certezza che l’Italia assuma impegni al più presto, per poter poi pubblicare l’atteso rapporto sul debito senza il rischio che metta in luce uno scostamento troppo elevato dagli impegni di aggiustamento.

Ti potrebbero interessare anche:

Scontro sulla eredità di An, Fdi si prende il simbolo per le Europee
IL PUNTO/Letta-Renzi, la coppia scoppia. Staffetta o rilancio, ore decisive
SENATO/ Cinque giorni di sospensione per D'Anna e Barani
SCUOLA/ In fase C assunta anche Agnese Renzi
PROFILO/ Beppe Sala, il manager che vuole Palazzo Marino
Mes: Conte, governo a rischio? No, andrà avanti



wordpress stat