| categoria: sanità

In Italia 70 centri per la vista, pochi e mal distribuiti

ab8354cb3ed40eb8657c31d9ea836d4fSono 70, in Italia, i Centri di Riabilitazione visiva, aumentati rispetto all’anno precedente di 9 unità ma di “numero sempre inferiore a quanto richiesto dalla Legge” e caratterizzato da “forte disomogeneità sul territorio nazionale”. Ben 9 regioni hanno un solo centro attivo, mentre la Lombardia 16 e la Sicilia 11, con una “disuguaglianza che negli anni non ha presentato un significativo miglioramento”, “costringendo le famiglie interessate a penosi e costosi spostamenti”. A dirlo è la Relazione annuale al Parlamento ai sensi della Legge 284/97 sulla riabilitazione visiva, inviata dal Ministro della salute ai Presidenti di Camera e Senato. In Italia sarebbero 362 mila le persone prive della vista (Istat 2005) mentre gli ipovedenti circa un milione e mezzo, in aumento anche a causa della crescita esponenziale di malattie oculari legate all’invecchiamento. Secondo la relazione, che riporta le attività svolte nel 2015 per la prevenzione dell’ipovisione e della cecità, sono stati 29.691 i casi sottoposti a trattamenti riabilitativi, “un valore estremamente basso rispetto alla stima degli ipovedenti in Italia”. In particolare in alcune regioni: ad esempio solo 154 casi sottoposti a riabilitazione in Friuli Venezia Giulia o 124 in Sardegna. Infermieri e assistenti sociali sono in aumento ma nei centri italiani sono in tutto, rispettivamente, 53 e 24. Dati che sottolineano “l’esigenza di aumentare l’offerta assistenziale per le minorazioni visive”. Da questo punto di vista, però, “la drastica contrazione dell’erogazione dei fondi alle Regioni, registrata negli ultimi anni, rimane un forte elemento di criticità”. Buon notizie invece sul fronte della comunicazione. Il sito internet dell’Agenzia per la prevenzione della cecità-IAPB Italia (www.iapb.it), nel 2015, ha raggiunto 1.413.276 visitatori, +65% rispetto ai 853.703 dell’anno precedente. La linea telefonica di consultazione gratuita IAPB (800-068506) ha ricevuto nel 2015 2.561 chiamate, +11% rispetto al 2014

Ti potrebbero interessare anche:

Lombardia, obbligatoria la presenza degli psicologi nelle strutture riabilitative con disabili
Al lavoro per protesta, aperti oggi e domani gli studi dei medici di famiglia FIMMG
In un anno persi 1894 infermieri e chi resta guadagna meno
SPECIALIZZAZIONI/ Anno accademico 2015/2016: finanziati 6.133 contratti. Lorenzin firma decreto
Pma. Aumentano i bambini nati con tecniche assistite: nel 2016 sono stati 13.582
Aids in aumento tra i giovani, non riconoscono il rischio



wordpress stat