| categoria: attualità

Elezioni-manovra, braccio di ferro tra Ue e Palazzo Chigi

040003278-bbc03f29-5b92-4418-bdd6-6559b4b93d92Nella difficile trattativa con la Commissione, Roma non esclude più l’ipotesi di una procedura per debito eccessivo. Renzi contrario a interventi durante la campagna
L’ITALIA riflette se sfidare l’Europa e i mercati, non fare la manovra correttiva da 3,4 miliardi e subire una procedura d’infrazione per il mancato rispetto della regola del debito.

Con questa consapevolezza Pier Carlo Padoan è atterrato ieri a Bruxelles per prendere parte all’Eurogruppo, il tavolo dei ministri delle Finanze della moneta unica. Se sottotraccia il governo tratta con la Commissione per addolcire lo sforzo e allungare i tempi dell’intervento, nella non sempre facile dialettica tra Nazareno, Palazzo Chigi e Tesoro sta però emergendo la possibilità di far saltare il tavolo e non intervenire sui conti. E magari impostare una campagna elettorale proprio sul No all’Europa e con diversi miliardi da spendere una volta sfondati i parametri Ue. Specialmente se le elezioni si terranno a giugno.
Pubblicamente la giornata di ieri è stata tesa. In mattinata la Commissione europea ha confermato di avere ricevuto la lettera con la quale Gentiloni chiedeva uno sconto di almeno un miliardo per il terremoto, ma il commissario agli Affari economici, Pierre Moscovici, ha risposto ricordando che le nuove spese per il sisma “non entrano nella discussione in corso” sulla manovra correttiva, ma è pronto a esaminarle in un altro contesto. E ancora, sull’aggiustamento dei conti richiesto da Bruxelles “aspettiamo una risposta precisa”. Come dire, non la missiva con la quale il premier ha chiesto flessibilità per il sisma ma impegni chiari. Padoan ha assicurato che la risposta a Bruxelles arriverà in tempo, ovvero entro il primo febbraio. Se tecnicamente l’intervento di Moscovici non fa una grinza – la correzione da 3,4 miliardi deve essere strutturale mentre le spese per il terremoto sono una tantum – politicamente l’uscita del francese manda su tutte le furie Roma. Dal Nazareno Matteo Renzi fa rispondere il presidente del Pd Matteo Orfini: “Le parole di Moscovici sono sconcertanti, mentre stiamo ancora piangendo i morti di Rigopiano sentire argomentazioni proprie delle burocrazie è inaccettabile e offensivo”. In serata il francese prova a stemperare ricordando che Bruxelles “è completamente al fianco dell’Italia”.

La situazione è complessa. Il governo chiede tempo fino a metà aprile, ovvero di intervenire con il Def. Prova inoltre a spuntare l’ok a mettere mano ai conti con un mix di misure strutturali e non (Bruxelles le chiede tutte con effetto permanente) e tenta di diminuire la portata dell’intervento spingendo sulle spese per il nuovo terremoto e chiedendo a Bruxelles il via libera a correggere i conti solo dello 0,16% da “arrotondare politicamente” a quello 0,2% del Pil ingiunto dalla Commissione (700 milioni di risparmi). Dopo avere ricevuto la missiva di Gentiloni, il presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker, ha fatto sapere al premier di essere pronto ad aiutare l’Italia, ma il clima all’interno della sua squadra non è dei migliori con i commissari popolari, guidati dai vicepresidenti Katainen e Dombrovskis, che spingono per essere inflessibili e chiedono una immediata procedura di infrazione se Roma non agirà in tempi rapidi. Anche l’Eurogruppo ora non è particolarmente ben disposto verso il governo. L’Italia lo scorso anno ha ricevuto 19 miliardi di flessibilità sul risanamento dei conti, quest’anno ne ha incassati altri 7 ma la Ue – che ha stirato le regole fino al massimo – chiede un minimo intervento di 3,4 miliardi sul deficit strutturale affinché il debito, che veleggia intorno al 133% del Pil, inizi a diminuire.

Tuttavia ieri gli uomini del Tesoro a Bruxelles sottolineavano che dopo la sentenza della Consulta sull’Italicum “la situazione politica lascia aperti tutti gli scenari perché nessun segretario di partito in caso di voto ravvicinato approverebbe una manovra correttiva”. Dunque, aggiungevano, “tutte le ipotesi ora sono sul tavolo, anche quella di non fare la manovra e subire una procedura europea”.

Il segretario del Pd, Matteo Renzi, è contrario a qualsiasi intervento sui conti in campagna elettorale e insieme a diversi ministri, come Carlo Calenda, spinge per far saltare il tavolo con l’Europa. Gentiloni è più cauto, tanto che ieri da Palazzo Chigi sottolineavano che “la decisione di non fare la manovra al momento non c’è”. Il Tesoro però si prepara ad ogni scenario, anche a quello peggiore, ovvero di un commissariamento europeo e studia gli effetti della procedura sullo spread. In poche parole, se risparmiare 3,4 miliardi di manovra poi non costi il doppio sui mercati ad un Paese che vive un anno di incertezza politica, senza più nemmeno una A nel rating e con il “quantitative easing” della Bce in fase riduzione. Anche se poi, riconoscono i tecnici del governo, “la decisione sarà politica” e non contabile.

Se l’irrigidimento italiano mira a forzare la mano a Bruxelles, è allo stesso tempo un esito possibile se il voto sarà ravvicinato e la Ue non farà sconti significativi. Tanto che in queste ore si discute se non rispondere proprio alla richiesta di Bruxelles e lanciare una politica

fortemente espansiva che potrebbe portare crescita e consenso. Più probabile che Roma scelga di rassicurare la Ue e far poi saltare il tavolo più avanti. Al Tesoro tagliano corto: “Padoan, Gentiloni e Renzi si parleranno nei prossimi giorni e prenderanno una decisione”.

patto di stabilitàUnione europeaDeficit/Pilmanovra di bilanciobruxellesEurogruppodebito/pilmanovragoverno GentiloniDefpier carlo padoanpierre moscoviciMatteo RenziJean Claude JunckerPaolo Gentiloni

Invia per email

Stampa

© Riproduzione riservata 27 gennaio 2017

da Taboola

Guarda Anche

Trump elogia Brexit, Rampini: ‘America rema contro Ue, e fa un regalo a Putin’

Raggi indagata, Frongia: ”Chat in mano ai pm, siamo sereni e lavoriamo sul tennis”

365 giorni senza Giulio Regeni

da Taboola

Promosso

Dal Web

smart fortwo urbanrunner. Prova a prenderla.

smart–un marchio Daimler

NUOVA FORD KUGA DA € 20.950.

Ford

5 errori che probabilmente commetti quando parli in inglese

Babbel

CONSUMI

RAPPORTO

LAVORO

Consumi, Trend, Stili di vita. Ogni giorno

in collaborazione con

strumenti

da Taboola

TOP VIDEO

Trump elogia Brexit, Rampini: ‘America rema contro Ue, e fa un regalo a Putin’

Raggi indagata, Frongia: ”Chat in mano ai pm, siamo sereni e lavoriamo sul tennis”

da Taboola

Promosso

DAL WEB

Mazda 2. Sali a bordo, non avrai più voglia di scendere.

Mazda

Nuova SEAT Ateca premiata Best Buy Car 2017. Personalizzala.

SEAT

Ti potrebbero interessare anche:

Monti telefona durante la messa del Papa
L'Argentina torna a far paura, svalutazione shock per il Peso
BOX/ Caos migranti a Lesbo, l'isola rischia l'esplosione
Un comune su quattro senza piano anti-sismico. Anche Accumoli
GOVERNO/ Partenza a razzo, ma è solo un'ìllusione. Non cambia nulla
E' contro il decreto, Trump licenzia responsabile della Giustizia



wordpress stat