| categoria: sanità

Aghi e siringhe. “Arriva il prezzo nazionale”

“La siringa acquistata dalle aziende sanitarie pubbliche ha finalmente il suo “prezzo nazionale””. A dirlo è la Conip che comunica che si è “conclusa con l’aggiudicazione di 13 dei 15 lotti, la gara per la fornitura di aghi e siringhe alle pubbliche amministrazioni”.

“Una gara di grande importanza – rileva Consip – , non tanto per il valore economico – 36 milioni di euro in due anni a fronte di una spesa annua per tutte le tipologie di aghi e siringhe acquistate dalla PA di 150 milioni di euro – quanto per il valore “simbolico”, poiché la difformità dei prezzi pagati per lo stesso tipo di siringa è stata spesso utilizzata come emblema degli “sprechi” della Pubblica Amministrazione”.

Consip fa anche alcuni esempi. “Da oggi, ad esempio, la siringa comune per iniezioni (siringa con ago con meccanismo di sicurezza) costerà, in tutta Italia, da 0,049 a 0,063 euro (a seconda delle dimensioni), con un ribasso del 70% rispetto al prezzo base d’asta. In generale, i ribassi ottenuti per le diverse tipologie di prodotti messi a gara – ovvero le categorie di aghi e siringhe di uso comune che rappresentano comunque la fetta maggiore dei consumi da parte delle strutture sanitarie pubbliche – sono stati compresi fra il 35 e il 70%”.

Le offerte sono state presentate da 11 produttori/fabbricanti, ovvero tutti i potenziali operatori economici presenti sul mercato.

Questi i concorrenti risultati aggiudicatari:
– Rays SpA (lotti 2, 7, 8, 9, 12)
– RTI Benefis – Cardiomed Srl (lotti 4, 10, 11, 13)
– Becton Dickinson Italia SpA (lotti 1 e 3)
– Artsana SpA (lotto 15)
– Clini – Lab Srl (lotto 5)

Con i fornitori aggiudicatari verrà stipulata una convenzione di fornitura, che potrà essere utilizzata dalle amministrazioni per i loro acquisti fino a un massimo di circa 850 milioni di “pezzi” (pari a circa il 50% del fabbisogno annuo della PA per le tipologie di aghi e siringhe messi a gara).

Consip ricorda poi come “gli aghi e le siringhe fanno parte delle 14 categorie merceologiche per le quali il DPCM 24 dicembre 2015 prevede l’obbligo delle amministrazioni di ricorrere – in caso di esistenza di strumenti di approvvigionamento attivi – a uno dei 33 soggetti aggregatori (tra cui Consip) per i propri acquisti”.

“Abbiamo portato a conclusione una gara particolarmente complessa – ha affermato l’Amministratore delegato di Consip, Luigi Marroni – non tanto per il prodotto acquistato, quanto per l’articolazione della procedura. È stata riservata massima considerazione sia agli elementi qualitativi dell’offerta – per mettere a disposizione della PA aghi e siringhe con standard di eccellenza – sia alle modalità di valutazione, effettuata anche delle “prove in vivo”, per fare testare i prodotti direttamente agli utilizzatori finali (rapporto infermiere-paziente). Ritengo che possiamo considerare tutto questo un risultato eccellente, per la qualità raggiunta e per il risparmio ottenuto rispetto ai prezzi che normalmente le amministrazioni pagano. In ultimo, va segnalato il passo in avanti fatto per ridurre, se non eliminare, la difformità dei prezzi a livello geografico che da sempre caratterizza questi prodotti”.

Ti potrebbero interessare anche:

STAMINA/ Il direttore dell'Aifa minaccia le dimissioni
Via libera Ue al primo farmaco con staminali che "ridà" la vista
DIALIZZATI/ Indagati i vertici della Asl di Brescia e 24 associazioni di volontariato
Da oggi stretta sul fumo, stop in auto se ci sono minori
In Italia da 15 a ventimila aborti clandestini. Ma solo 42 indagati
Vaccini obbligatori. Lorenzin sul caso Veneto: “Senza vaccini, niente scuola. Legge corretta e neces...



wordpress stat