| categoria: politica, Senza categoria

D’Alema si smarca e gioca in proprio, nasce “Consenso”

Non parla di scissione, ma certo qualcosa nel Pd deve cambiare. E D’Alema certo con Renzi non è disposto a patteggiare alcunchè. Andare al congresso, subito. Senza imboccare la strada del voto anticipato per ricompattare il partito. Altrimenti sarà «liberi tutti». L’ipotesi di una scissione interna al Pd è tutta nelle parole di Massimo D’Alema, che ieri ha parlato a Roma di fronte agli attivisti dei Comitati per il No al referendum. Lo show di D’Alema che ha lanciato il movimento “ConSenso” nell’auditorium di via dei Frentani – tempio laico della sinistra nel cuore del quartiere rosso di San Lorenzo – sembrerebbe confermare la spaccatura annunciata del Pd. La nuova creatura politica, battezzata ConSenso, non avrà dunque un tesseramento nazionale, «anche perché altrimenti saremmo tormentati e direbbero che vogliamo fare un partito», ha detto D’Alema. Che ha aggiunto: «I singoli gruppi devono raccogliere adesioni e fondi, per essere pronti alle evenienze». La minaccia, neanche troppo velata, di arrivare a uno strappo, sta tutta qui. Se Renzi dovesse tirare dritto sulla via delle elezioni in primavera, senza cambiare la legge elettorale e facendo a meno di un vero programma politico, allora le strade si divideranno.

Ti potrebbero interessare anche:

#happydays per festa dell'Unità a Roma. Sui manifesti richiamo a Fonzie-Renzie
Secondo round Renzi-M5S, sulle preferenze sarà scontro
LATINA/ E' saltata la conferenza dei sindaci, rimandato il processo alla Asl
Digitalizzazione in ritardo, solo il 31% dei medici usa le reti
Renzi-Travaglio, scintille in tv: io Fonzie, tu Ralph Malph. Olimpiadi, discorso chiuso
Altro indagato eletto al Parlamento siciliano: Riccardo Savona (Fi) è accusato di truffa



wordpress stat