| categoria: sanità Lazio

Storace: cibo scadente al San Camillo, Zingaretti revochi l’appalto

Qualità del cibo scadente, crudo e privo di condimento, somministrato a tutti i pazienti, indifferentemente dalle patologie da cui sono affetti. E’ quanto succede da diversi mesi al San Camillo Forlanini e per questo motivo il Vice Presidente del Consiglio regionale, Francesco Storace, ha presentato una interrogazione per chiedere, al Presidente della Giunta, Nicola Zingaretti, di intervenire presso i vertici dell’azienda ospedaliera San Camillo al fine di revocare alla ditta aggiudicatrice l’appalto di fornitura del servizio di ristorazione per i degenti e mensa dei dipendenti.

“Visto il disservizio subito nella consumazione dei pasti – si legge nell’interrogazione – ho chiesto, inoltre, il registro dei controlli effettuati negli ultimi tre anni presso il centro cottura e in ordine al vitto fornito, così come prevede l’art. 13 del capitolato speciale del servizio di ristorazione ai degenti e mensa dipendenti del nosocomio in oggetto”.

Ti potrebbero interessare anche:

Asl RMH, la Regione autorizza l'assunzione di quattro psichiatri
Idi, sequestrate case e conti dei vecchi dirigenti per sei milioni di euro
Latina, 19enne in barella per tre giorni al Pronto Soccorso del Goretti
Allarme rosso, con l'estate il Pronto Soccorso del Grassi va ko
Al Bambin Gesù un call center psichiatrico operativo 24 ore su 24
“Fondazione S.Lucia, piccola città dove i miracoli diventano possibili”. In visita Mattarella e Lo...



wordpress stat