| categoria: salute

Due adolescenti su 10 con mal di schiena, solo 7% dal medico

Il mal di schiena lombare colpisce quasi due adolescenti su dieci, ma solo il sette per cento si rivolge al medico. A descrivere il problema è una revisione della letteratura pubblicata dal Journal of American Medical Association Pediatria (JAMA Pediatria).
Secondo gli esperti dell’Ospedale per bambini Nationwide Sports Medicine, in Ohio, il dolore lombare interessa l’uno per cento dei bambini all’età di 7 anni, il 6 per cento all’età di 10 anni e il 18 per cento da 14 a 16 anni. La maggior parte delle cause sono benigne, tuttavia l’effetto può condizionare la frequenza scolastica o delle attività sportive ed è un fattore di rischio che predispone al mal di schiena nell’adulto. Non esiste un unico fattore di rischio: per i bambini in età scolare, la maggior parte dei casi deriva da uno sforzo eccessivo o un trauma muscolo-scheletrico; negli adolescenti da un eccessivo o da un troppo carente esercizio fisico. Altri possibili fattori di rischio sono un’accelerazione della crescita, fattori psicosociali, un precedente infortunio o predisposizione familiare. “Alcuni mal di schiena devono esser trattati da uno specialista, ma nella maggior parte dei casi un pediatra con buone conoscenze può aiutare a gestire il dolore”, spiega James P. MacDonald, autore principale dello revisione e medico sportivo per bambini. “In genere il dolore senza causa specifica migliora con riposo e riabilitazione” ma “una valutazione approfondita può aiutare a escludere una condizione più grave”. Tra i consigli, aumentare gradualmente l’intensità degli sforzi fisici e non esagerare con le ore di sport rispetto a quanto consigliato per la propria età.

Ti potrebbero interessare anche:

Post comatosi, problema silente. Come mettere la famiglia al centro del percorso riabilitativo
Sclerosi multipla, bando internazionale per aiutare la ricerca
Alzheimer, nuovo test del rame su 5000 pazienti in Puglia
L'INDAGINE/ Solo metà dei pazienti prende farmaci in modo corretto
In Italia nutrizione artificiale per 12mila pazienti
Nutrizionista,frutta grande assente al ristorante



wordpress stat