| categoria: economia

Nasce ‘Agronetwork’, la scommessa di unire industria e agricoltura

48618b4075e2e457b632f80da8989704 Promuovere la competitività delle imprese agroalimentari e più in generale del patrimonio agroalimentare, come dato identitario del Paese, attraverso il consolidamento dei rapporti delle imprese agricole con quelle della trasformazione industriale e della distribuzione. E’ questo l’obiettivo della nuova associazione ‘Agronetwork’ di cui Confagricoltura è socio fondatore insieme a Nomisma e Luiss.
“Non vogliamo sovrapporci ad altre iniziative – dichiara la presidente della nuova associazione e presidente di Poste Italiane Luisa Todini che è anche imprenditrice agricola e dell’ospitalità a Todi – Abbiamo solo voluto colmare quello che ritenevamo un vuoto. Serviva un ‘think thank’ strategico e una maggiore integrazione della filiera per dare più competitività alle imprese”. “Questa associazione è nata per essere il luogo degli incontri di interessi della filiera – commenta Mario Guidi, presidente di Confagricoltura -. Gli agricoltori hanno bisogno di importare idee a altri mondi, non possiamo restare chiusi dentro i recinti. Da parte sua l’industria italiana, anche quella a capitale straniero, ha percepito l’importanza del made in Italy come business e chiede alleanza con il modo agricolo. Alla nuova associazione hanno già manifestato interesse big dell’industria come Sanpellegrino, Heineken e Bayer”. “Questo è un contenitore che unisce mondo agricolo e industriale senza distinzione di interessi – ribadisce Guido Folonari, imprenditore vitivinicolo di Confagricoltura nominato vicepresidente della nuova associazione – Oggigiorno bisogna costruire sinergie per lo sviluppo”. “La nostra Università punta molto sulla filiera agroalimentare e abbiamo in progetto di avviare programmi di formazione specialistica in questo settore”, osserva Matteo Caroli, della Luiss.
“La scommessa di unire industria e agricoltura risulterà vincente – osserva Daniele Rossi, segretario generale della nuova associazione ed ex direttore di Federalimentare – perché dalle imprese di Confagricoltura giungeva l’esigenza di nuove idee e progetti per vincere la sfida del mercato”. La nuova associazione ha già definito le direttrici su cui si impegnerà quest’anno e il prossimo. La prima iniziativa sarà incentrata sulle Filiere funzionali, ovvero su quelle produzioni agricole ed agroalimentari di alta qualità nutraceutica che corrispondono a criteri di salute e sicurezza alimentare. La seconda iniziativa verterà su ricerca e innovazione per agricoltura e industria, quindi si batterà il tasto su turismo integrato sociale, valorizzazione del made in Italy e delle sue filiere e, infine, il tema

Ti potrebbero interessare anche:

HORSEGATE/ Carne di cavallo, l'Italia ne ha importato 30 milioni di chili nel 2012
Lavoro/ Agenti di Commercio, un settore con 240mila addetti che non conosce crisi
Commercio: giù vendite dettaglio, anche per alimentari
Saccomanni: 'La crisi sta finendo, il gesto di Maradona mi ha offeso'
E' ancora record del debito pubblico, +100 miliardi in sei mesi
Italia al top per luce e gas, ma bus e treni sono i meno cari della Ue



wordpress stat