| categoria: litorale, Senza categoria

L’INTERVENTO/ Sabaudia, non più rinviabile un intervento straordinario per il ponte sul lago

imagesDI Amedeo Bianchi
Mentre Lucci procedeva a scegliere Capriglione come suo candidato a sindaco, non faceva mancare le sue veline alla stampa preannunziando la tranquillizzante notizia, già data in passata e non mantenuta, che prima dell’estate il Cinema Augustus sarebbe stato rimesso a nuovo. Lo stile è il solito dice l’effetto auspicato da tutti ma procede a fari spenti, non rassicurando i cittadini sulle condizioni più o meno onerose per il comune per giudicare sulla base di costi e benefici le garanzie per evitare, dopo qualche anno, lo snaturamento della destinazione in favore di una commerciale. Con la supervisione del Commissario siamo certi che una serie di condizioni saranno garantite. A partire dalla professionalità specifica dei gestori in un settore in crisi ma in via di ammodernamento tecnologico; in un supporto di altre attività mai a prescindere dall’originaria destinazione d’uso; da una chiara indicazione dei limiti temporali del sostegno diretto o indiretto del Comune per evitare che si scarichi sull’amministrazione un’altra fetta di ammortamento a durata ventennale o trentennale a cui siamo stati sottoposti per ripianare debiti fuori bilancio. Infine il deterrente di penalità in caso di gravi inadempienze.
Altro annunzio quello di interventi di sistemazione per B. S.Donato e B. Vodice dando per scontato la contrazione di un mutuo quasi ventennale. Opere meritorie ma prioritarie rispetto alla risoluzione del problema gravissimo di liberarsi dall’incubo di una possibile inagibilità del ponte Giovanni XXIII con danni gravissimi per la città. Conosciamo ed apprezziamo l’operato del commissario straordinario che Non ha fatto mancare le dovute verifiche sulla stabilità del ponte anche in presenza di eventi straordinari come ad esempio le ultime scosse di terremoto, ma ora la necessità è quella di un intervento straordinario. Non ci costringano a ricorrere alla Corte dei Conti per l’addebito di danni erariali per la mancata manutenzione. Deve essere chiaro che se il bilancio non prevede il massimo sforzo sul risanamento del ponte per concorrere con l’auspicato intervento della Regione e del Ministero delle infrastrutture la nostra opposizione sarà durissima ed è per questo che solleciteremo tutte le forze politiche e sociali a richiedere un summit convocato dal Prefetto perché ci siano interventi operativi e non generici

Ti potrebbero interessare anche:

SIRIA/ Un genovese di 20 anni è morto combattendo con i ribelli
USURA/ Tassi alti, chiesto giudizio per i dirigenti del Banco di Sardegna
Mattarella presidente, pensiamo agli italiani in difficoltà
Termini, ci siamo: sulle banchine solo col biglietto alla mano. Ecco le barriere-sicurezza
Esuberi province, rischio valigia per uno su sei
M5S, si dimette il mini direttorio romano



wordpress stat