| categoria: esteri

Seul, arrestato Lee Jae-yong, patron del colosso Samsung: corruzione

2263619_lee_jpg_pagespeed_ce_O3e8rp06JLLa Corte centrale distrettuale di Seul ha dato il via libera per l’arresto di Lee Jae-yong: al termine di un’udienza il vice presidente di Samsung Electronics, erede della prima conglomerata sudcoreana, accusato di corruzione, frode e spergiuro, è stato quindi arrestato, come riportano media coreani ed amerrcani.
L’uomo d’affari avrebbe versato o comunque promesso poco meno di 40 milioni di dollari a Choi Soon-sil, vicina alla presidente della repubblica, in cambio di protezione politica. I pubblici ministeri lo possono trattenere fino a 20 giorni prima di incriminarlo. Lee aveva rischiato di essere arrestato lo scorso gennaio, ma il magistrato aveva rigettato la richiesta dei pubblici ministeri.

L’inchiesta è legata allo scandalo di corruzione che coinvolge anche la presidente della Repubblica Park Geun-hye, finita sotto impeachment, e la stessa Choi Soon-sil. Per l’accusa Lee Jae-yong avrebbe versato fondi per potere manovrare fondi di pensione pubblici nell’opera di ridefinizione dell’assetto della Samsung nella fase di passaggio del potere dal padre Lee Kun-hee, malato, a lui. In questa situazione di incertezza i titoli Samsung Electronics hanno perso l’1% alla Borsa di Seul.

Ti potrebbero interessare anche:

Usa-Cuba, Washington preme per riapertura ambasciata a L'Avana entro aprile
Renzi appoggia l'Ucraina, rispetto della sovranità. Oggi da Putin
Califfato, esecuzioni a Palmira. Attacchi kamikaze in Iraq
Francia, blitz nella moschea Sunna di Pontanezen
USA 2016/ Super-tuesday decisivo per Hillary e Trump
Trump twitta: lascio gli affari per fare il presidente



wordpress stat