| categoria: primo piano, Senza categoria

Trump, la Guardia Nazionale contro gli immigrati irregolari? Lui smentisce

1409b2fc768b99ac9e06d091e18ef0c6L’amministrazione Trump sta considerando di mobilitare fino a 100mila unita’ della guardia nazionale nella stretta contro gli immigrati irregolari. La proposta e’ citata nella bozza di un documento preso in visione dalla Associated Press e indica la mobilitazione di fino 100 mila unita’ della guardia nazionale in 11 stati nell’ambito della stretta contro gli immigrati non autorizzati. Se la proposta verra’ attuata, darebbe vita ad una mobilitazione senza precedenti delle forze dell’ordine nel contrastare l’immigrazione illegale e anche in territori lontani dalla frontiera con il Messico (punto nevralgico per gli ingressi di clandestini negli Usa), fino agli stati settentrionali di Portland e Oregon, o orientali come New Orleans e Louisiana. Se la proposta dovesse essere attuata chiamerebbe comunque in cause i governatori degli stati coinvolti che dovrebbero approvare la partecipazione all’operazione delle truppe sotto la propria competenza statale.

Il portavoce della Casa Bianca Sean Spicer smentisce che l’amministrazione Trump abbia intenzione di mobilitare fino a 100mila unità della guardia nazionale nella stretta contro gli immigrati irregolari: “Non è vero. 100% falso”, scrive sul suo profilo Twitter rinviando all’indiscrezione rilanciata dall’Associated Press.

Intanto si complica la posizione Michael Flynn: il Pentagono non ha trovato alcun documento indicante che l’ex consigliere per la sicurezza nazionale avesse ricevuto un’autorizzazione per accettare soldi da un governo straniero prima del viaggio a Mosca a fine 2015 per una intervista retribuita in occasione del gala per i 10 anni della tv filo Cremlino Russia Today, dove sedette vino a Putin. Lo scrive il Wsj citando una lettera del segretario facente funzioni dell’esercito Robert Speer inviata a Elijah Cummings, deputato dem della commissione controllo. Era stato lo stesso Flynn a riferire di essere stato pagato, e bene, per quell’intervista ed ora Cummings vuole sapere quanto: per questo ha chiesto i dati al suo agente. ”Stiamo tentando di accertare l’ammontare percepito dal gen. Flynn per la sua apparizione, la fonte del finanziamento e se possa aver ricevuto altri pagamenti da altre fonti straniere per ulteriori impegni”, ha spiegato. La Costituzione vieta ai militari in pensione di ricevere soldi da governi stranieri senza l’autorizzazione del Congresso.

Il vice ammiraglio Robert Harward, scelto da Donald Trump come consigliere per la sicurezza nazionale al posto del ‘dimissionato’ Michael Flynn, ha declinato l’offerta. Un possibile motivo sarebbe legato al fatto che Harward aveva posto come condizione quella di portarsi il suo team. Se la notizia data da alcuni media Usa fosse confermata, si tratterebbe dell’ennesima tegola per l’amministrazione Trump. In particolare Harward si sarebbe rifiutato di tenere il vice di Flynn, K.T.McFarland, cui Trump aveva promesso di conservare il posto, e dopo un giorno di braccio di ferro avrebbe preferito rinunciare. Ex Navy Seal, Harward, 60 anni, ha servito come vice del commando centrale Usa sotto l’attuale capo del Pentagono, James Mattis, di cui era considerato un amico e alleato. In precedenza era stato vice comandante generale del comando per le operazioni speciali congiunte a Fort Bragg, in North Carolina. Harward aveva guidato truppe sia in Iraq che in Afghanistan per sei anni dopo l’11 settembre. Sotto George W. Bush, aveva fatto parte del National Security Council come direttore strategico e delle politiche anti terrorismo.

Dopo il forfait del vice ammiraglio Robert Harward per sostituire il ‘dimissionato’ Michael Flynn, travolto dal Russiagate, Donald Trump ha fatto sapere via twitter di avere in lista il gen. Keit Kellogg, che temporaneamente ricopre già la carica di consigliere per la sicurezza nazionale ed è “molto in gioco”, ed altri tre candidati, che non ha menzionato. Kellogg è stato anche consigliere di politica estera per Trump durante la campagna elettorale. Il tycoon non ha precisato quando intende procedere alla nomine ma si presume presto, per colmare un vuoto in una posizione chiave.

Trump: media, Dubke scelto come direttore comunicazione – Il fondatore della Crossroads Media, Mike Dubke, è stato scelto come nuovo Direttore della comunicazione della Casa Bianca, secondo quanto riferisce la Cnn online citando in forma anonima due funzionari dell’amministrazione e affermando che la nomina dovrebbe essere ufficializzata oggi. La notizia è riportata anche da Fox News, secondo cui Dubke – che dovrebbe prendere il posto di Jason Miller, che fece un passo indietro poco dopo esser stato scelto lo scorso dicembre – era già ieri alla Casa Bianca. La nomina di Dubke, nota la Cnn, dovrebbe alleggerire la pressione sul portavoce Sean Spicer, che finora oltre a svolgere il suo lavoro ha anche dovuto fare le funzioni di Direttore della comunicazione, due incarichi che normalmente sono separati. Dubke è stato coinvolto nella politica locale, statale e federale sin dal 1988, secondo quanto si legge nella sua bibliografia pubblicata nel sito web della Crossroads Media.

Ti potrebbero interessare anche:

YARA/ Il pm: così Rossetti l'ha seviziata e abbandonata agonizzante
In Campania dati on line per medici di famiglia e centri diagnostici
E' il giorno delle Unioni civili al Senato. I verdiniani voteranno la fiducia



wordpress stat