| categoria: economia

Panasonic: presidente ai 100 mila dipendenti ‘lavorate meno’

Gadget Show Panasonic‘Siate efficienti e meno occupati’. Con questo motto la Panasonic raccomanda ai circa 100 mila dei suoi impiegati in Giappone di non trattenersi in ufficio oltre le 8 di sera, concentrandosi sulla produttività, evitando le tradizionali lunghe giornate sul luogo di lavoro. Le direttive sottoscritte a fine gennaio dal presidente Kazuhiro Tsuga, e già in vigore, sono rivolte a tutto lo staff dell’azienda: dai manager, ai capi dipartimento e i capi divisione, ai quali si chiede di limitare lo straordinario a un massimo di 80 ore al mese. Secondo gli standard della Panasonic la giornata lavorativa non dovrebbe superare le 7 ore e 45 minuti, ma gli orari di inizio dei turni possono variare in base al ruolo ricoperto nell’azienda, o delle rotazioni negli stabilimenti di produzione. A questo riguardo il memorandum del presidente incoraggia un sistema flessibile di occupazione, usando il telelavoro – grazie agli strumenti informatici a disposizione – e usufruendo regolarmente dei giorni di vacanza a cui si ha diritto ma che spesso, per tradizione, non sono richiesti.
Secondo i dati del 2014, pubblicati dall’Istituto nipponico delle Politiche del Lavoro, tra i paesi del G-7 il Giappone ha la più alta percentuale di impiegati che lavorano oltre 49 ore alla settimana, e al tempo stesso il peggior livello di produttività tra le nazioni all’interno del gruppo.

Ti potrebbero interessare anche:

Scaglia (ex Fastweb) riparte da La Perla, vinta all'asta con 69 milioni di euro
Verso i 1900 tagli per Alitalia, risparmi da 350 milioni
CONTI PUBBLICI/ Mef, il fabbisogno di aprile scende a 6 miliardi, - 40% su anno
Pirelli "cinese" dice addio a Piazza Affari: azioni revocate dal 6 novembre
Continua il "risiko" della birra. La giapponese Ashai punta alla Peroni
In 8 anni spesa alimentare -12%, ed è crollo per carne -16%



wordpress stat