| categoria: sanità

I medici perdono il 20% del loro tempo al computer”

È troppo il tempo sottratto da compiti che esulano dal lavoro proprio del medico, come ad esempio quello impiegato per le certificazioni di malattia. Questo è uno dei focus affrontati dall’Ordine provinciale dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri di Roma durante due giorni di formazione professionale. Parere favorevole all’informatizzazione, ma senza ricorrere a sistemi troppo complessi che comportano una riduzione dell’attività clinica.

20 FEB – Due giornate di studio incentrate sul tema dell’informatizzazione in sanità che hanno permesso a tutti gli iscritti all’Ordine provinciale dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri di Roma di aggiornare le proprie conoscenze su molte delle novità che la tecnologia introduce in ambito sanitario. Il corso si è concluso nel fine settimana scorso ed ha affrontato vari aspetti interessanti, dagli adempimenti informatici correlati alla compilazione della ricetta in modalità dematerializzata, alle complessità dei sistemi delle reti pubbliche e private (quella regionale Sismed e quelle connesse al sistema Ts), fino agli invii delle certificazioni di malattia, alla sicurezza e alla riservatezza dei dati dei pazienti.

“Abbiamo evidenziato – ha commentato al termine Cristina Patrizi, consigliere dell’Ordine e organizzatrice dell’evento – come oltre il 20% del tempo a disposizione dei clinici, specialisti ambulatoriali e medici di medicina generale, si perde battendo sui tasti di un computer e interfacciandosi con collegamenti di rete. E questo nelle migliori delle ipotesi”.
L’incontro ha permesso di confrontarsi anche sulla problematica delle certificazione di malattia, richiamando anche l’impegno assunto a dicembre scorso dalla Federazione nazionale (FNOMCeO) di farsi portavoce di un disegno di legge che modifichi il sistema di queste certificazione e preveda l’autogiustificazione per quelle brevi. “Non è possibile – ha spiegato il presidenti dell’Ordine di Roma, Giuseppe Lavra – sovraccaricare i clinici degli oneri, anche questi telematici e difformemente applicati nel nostro Paese, di una certificazione che nel 2015 ha determinato, secondo dati INPS, oltre 18 milioni di certificati trasmessi on line al sistema TS: atti medici che si sarebbero potuti evitare o limitare dando al cittadino la possibilità di autogiustificare i primi giorni di malattia”.

È emersa pure la necessità di revisionare la normativa Brunetta che ora prevede il licenziamento o la revoca della convenzione per il medico interessato da un provvedimento correlato a una certificazione di malattia che risulti non legittimamente formulata.
“in conclusione – ha detto Cristina Patrizi – siamo favorevoli all’informatizzazione, se questa concorre al miglioramento del lavoro di migliaia di medici della sanità pubblica e privata. Ma diciamo no a sistemi troppo complessi che comportano una riduzione dell’attività clinica e distolgono tale lavoro e l’attenzione ai pazienti con compiti e mansioni che non sono proprie del medico”.

Ti potrebbero interessare anche:

In arrivo il gas anti-dolore per il parto
Sì alla stabilizzazione dei precari del Ssn, il Ministero pubblica il decreto
Via libera delle Regioni al Piano nazionale vaccini
In Italia 40mila persone Down, 'per noi bisogni normali'
AIDS:A 25 ANNI DA 'PHILADELPHIÀ RESTA STIGMA SU LAVORO
DA MEDICI A INFERMIERI,-46.500 DIPENDENTI SSN DA 2009 A 2017



wordpress stat