| categoria: economia

Industria, Istat: ordini e fatturato in crescita a dicembre

operai-fabbrica-ape--1-10Fatturato e ordini dell’industria in forte crescita a dicembre: su base mensile, informa l’Istat, il primo e’ salito del 2,6% e i secondi del 2,8%. Per entrambi gli indicatori si tratta del terzo incremento mensile consecutivo, per una crescita congiunturale nel quarto trimestre pari all’1,7% per ambedue le variabili. Nella media del 2016 il fatturato, corretto per gli effetti di calendario, segna un lieve incremento in valore (+0,2%), piu’ marcato in termini di volume per il solo comparto manifatturiero (+1,2%).
L’incremento del fatturato, a dicembre, e’ molto piu’ ampio sul mercato estero (+5,4%) rispetto a quanto rilevato sul mercato interno (+1,1%). Gli ordinativi registrano, invece, un incremento sul mercato interno (+6,8%) e una flessione su quello estero (-2,6%). A dicembre, corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 20 contro i 21 di dicembre 2015), il fatturato totale cresce in termini tendenziali del 9,4%, con incrementi dell’8,2% sul mercato interno e dell’11,8% su quello estero. Gli indici destagionalizzati del fatturato segnano incrementi congiunturali per i tutti i raggruppamenti principali di industrie, particolarmente rilevanti per l’energia (+7,5%).

L’indice grezzo del fatturato a dicembre cresce, in termini tendenziali, del 6,0%: meta’ dell’incremento e’ attribuibile all’andamento dei beni strumentali, in particolare alla componente interna. Per il fatturato tutti i settori manifatturieri mostrano incrementi tendenziali; il piu’ rilevante si registra nella fabbricazione di apparecchiature elettriche (+21,9%). L’unica flessione riguarda le attivita’ estrattive (-7,9%).

Nel confronto con il mese di dicembre 2015, l’indice grezzo degli ordinativi segna una flessione dello 0,9%. La diminuzione piu’ rilevante si registra nella fabbricazione di mezzi di trasporto (-17,8%), mentre l’incremento maggiore si osserva nella fabbricazione di apparecchiature elettriche (+11,2%).

Ti potrebbero interessare anche:

Prezzi in calo per Rc Auto, ma il Codacons protesta: restano tra i più alti d'Europa
Oltre 9 milioni di persone in sofferenza e disagio occupazionale
Grecia, Fmi non ancora deciso se partecipare al piano di salvataggio
Cina, petrolio e ambiente, a Davos le nuove emergenze
Commissione Ue: Italia fonte di potenziali pericoli per l'Eurozona
MADE IN ITALY/ In due anni di embargo russo persi 7,5 miliardi



wordpress stat