| categoria: società

Milano da bere e da mangiare, 25 indirizzi top durante la Milano Fashion Week

54019c8564c4efc1a1c011b25ea2c4a0
La Milano da bere e da mangiare, ecco 25 indirizzi selezionati tra ristoranti, bistrot, vintage club, pasticcerie e bar per l’happy our da considerare durante la settimana della moda, la Milano Fashion Week che comincia il 23 febbraio, suggeriti dalla Camera nazionale della moda tra i luoghi più trend e iconici.

Giacomo Arengario: In cima al Museo del Novecento, accanto al Palazzo Reale e su Piazza Duomo. Il ristorante con la vista più iconica di Milano ha interni ispirati all’Art Decò con laccature rosse, pareti ad intarsio e pannelli dorati. Ottimo anche per un caffè o un drink nel salottino o nel dehors panoramico, tra una sfilata e un vernissage. Il luogo ideale per sognare, dove la promessa mantenuta è far “assaporare le atmosfere di un’epoca perduta”. Via Guglielmo Marconi 1. Tel. 02.72093814 www.giacomoarengario.com

Langosteria: Il mare a Milano lo trovi qui. Un menù di qualità superiore e freschezza dove crostacei, carpacci e tartare confondono gli amanti della pasta al pesce. Oltre al fratello Bistrot, recentemente si è aggiunto alla famiglia il Langosteria Cafè. Un format nuovo, leggero, contemporaneo che non perde il DNA della casa madre. Morning, lunch, afternoon, aperitivo, dinner. Langosteria Cafè Galleria del Corso 4 Tel. 02.76018167 Langosteria Savona via Savona 10 Tel. 02.58111649 Langosteria Bistrot via Privata Bobbio 2 Tel. 02.58107802 www.langosteria.com

Riso e Latte: Prende il nome dall’antico piatto povero e nutriente del nord Italia questo ristorantino a metà strada tra il Castello Sforzesco e il Duomo. Tutto in formica anni cinquanta, panni stesi, piatti della nonna, mele a centro tavola e ammazzacaffè in un carrellino vicino alla cassa da cui servirsi da soli. Una fuga dalla contemporaneità, dal minimalismo e dalle formalità. Via Manfredo Camperio 6 Tel. 02.39831040 www.risoelatte.com

T’A: Facendo tesoro della tradizione centenaria di famiglia nell’alta pasticceria, Tancredi e Alberto Alemagna hanno sviluppato un concetto innovativo che unisce in un unico spazio, raffinato e avvolgente, la cioccolateria, l’aperitivo e la ristorazione contemporanea. A due passi da Palazzo Clerici, storica sede di molti eventi della fashion week. Via Clerici 1. Tel. 02.87386130 www.tamilano.com

La Brisa: Gestito da Antonio e Francisca Facciolo con Piero Maranghi, La Brisa eccelle per una cucina semplice e saporita, con un menù stagionale che si rinnova mensilmente, seguendo i colori delle foglie degli alberi in giardino e offrendo sempre nuovi sapori da scoprire. Tipiche ricette lombarde, piatti di pesce, carne, cibo vegetariano, e un maialino arrosto memorabile. Via Brisa 15. Tel. 02.86450521 www.ristorantelabrisa.it

Trussardi alla Scala: La famiglia Trussardi ha inventato il matrimonio fra moda e alta cucina in tempi non sospetti. Accanto al Teatro alla Scala, il Palazzo ospita il ristorante stellato in una sala luminosa di giorno e intima di sera; al piano terra invece il Café offre piatti veloci e ben studiati. Il Lounge, pensato come American bar, ha un’eccellente selezione di cocktail e sigari. Piazza della Scala 5 Tel. 02.80688295 www.trussardiallascala.com

Pasticceria Marchesi: Nel 2024 si celebrerà il duecentesimo anniversario della pasticceria simbolo di eccellenza meneghina recentemente acquisita dal Gruppo Prada. Il cioccolato e le praline sono specialità rinomate. Nei nuovi spazi di via Monte Napoleone e in Galleria Vittorio Emanuele II, è stata affiancata una selezione ancora più ampia dei suoi prodotti racchiusi in preziose confezioni. Via Santa Maria alla Porta 11/A Tel. 02.862770 Via Monte Napoleone 9 Tel. 02.76008238 Galleria Vittorio Emanuele II Tel. 02.94181710 www.pasticceriamarchesi.it

Yokohama: Rosy Chin e suo marito Paolo sono la testimonianza della cucina che cambia insieme al tessuto antropologico. Sono fusion come i piatti che propongono. I piatti giapponesi tradizionali sono eccellenti ma lasciarsi consigliare da loro è ancora meglio: estasianti le composizioni di roll e gli scottati in abbinamento a diverse salse mediterran-nipponiche. Via Maurizio Gonzaga 4 Tel. 02.874291 www.sushiyokohama.it

Pacifico: Autoproclamato “una piccola ambasciata della cultura e dei sapori peruviani con influenze asiatiche”, Pacifico è un locale nuovo diviso in diverse aree: la dining hall, il Pisco Bar e uno spazio all’aperto. Chi vuole può anche prenotare in esclusiva la Submarine Room. Da provare i cocktail per accompagnare i vari tipi di ceviche e le varianti di dim sum diversi dal solito. Via San Marco angolo Via Moscova Tel. 02.87244737 www.wearepacifico.it

Pisacco: Un bistrot contemporaneo e ospitale che si è ritagliato in pochi anni un ruolo da protagonista nell’offerta milanese. La Cucina di Pisacco è una scelta ragionata sui fondamentali: preparazioni fresche e essenziali, centrate sull’eccellenza degli ingredienti. A firmare e sovrintendere la linea di proposte che include anche piccoli piatti veloci e leggeri è lo chef stellato Andrea Berton. Via Solferino 48 Tel. 02.91765472 www.pisacco.it

Da Giacomo: Due opzioni. Due storie diverse ma parallele. Ristorante e bistrot che differiscono nelle pietanze e nell’arredo pur mantenendo entrambi una coerenza nell’atmosfera d’altri tempi. Ambiente internazionale, piatti realizzati con grande maestria come gli spaghetti al riccio di mare o anche tartufi, porcini e tutto ciò che fa innamorare dell’Italia. Via Pasquale Sottocorno 6 Da Giacomo Tel. 02.76023313 www.giacomoristorante.com Da Giacomo Bistrot Tel. 02.76022653 www.giacomobistrot.com

Armani /Bamboo Bar : Sentirsi al centro del mondo circondati da design minimalista, con vista su skyline milanese e tramonto sulle alpi lombarde. Per pranzo, cena o dopocena, per un signature cocktail o per un notevole club sandwich fino a tarda sera. L’Armani/Bamboo bar è al settimo piano dell’Hotel Armani: posizione perfetta se si è alla ricerca di un’oasi tra sfilate e shopping. Via Manzoni 31. Tel. 02.88838888 www.armanihotels.com

Radetzky: Milano è ancora e sempre happy hour. Al Radetzky, attivo dalla fine degli Ottanta, è un belvedere di bei ragazzi e belle ragazze che animano l’ormai storico bar a due passi dalla fermata Moscova dall’aperitivo in poi, ma ci si va anche per la gastronomia e il negozio che offre una selezione di caviale di produzione italiana e foie gras. Corso Garibaldi 105. Tel. 02.6572645 www.radetzky.it

Dry : Fratello di Pisacco, Dry primeggia nella preparazione di pizze e cocktail. La mixologia spazia dai “Vintage & Forgotten Cocktails” come il Corpse Reviver #2 lanciato dal Savoy di Londra e il Martinez, anticipatore del Martini, ai classici evoluti. La pizza è napoletana, piccola e con il giusto equilibrio tra croccantezza e morbidezza. Bellissimi gli interni e ottimo il programma di videoarte che rende vive le pareti. Via Solferino 33. Tel. 02.63793414 www.drymilano.it

Mandarin Oriental: Il lusso globale del 21esimo secolo trova casa al Mandarin Oriental Milano. Voglia di spa, di grazie orientali o di un aperitivo glamour. Per il pranzo e la cena si può scegliere tra due ristoranti: il Seta, ristorante gourmet con una stella Michelin e il Mandarin Bar & Bistrot, location più informale diventata in brevissimo tempo punto d’incontro d’elezione del pubblico della Settimana della Moda. Via Andegari 9. Tel. 02.87318888 www.mandarinoriental.com

Mantra Raw Vegan: Il crudismo non è una moda passeggera ma un approccio olistico e allo stesso tempo scientifico che sta creando una nuova consapevolezza a livello globale. Qui a Milano il tempio di questo credo è il Mantra Raw Vegan che propone una cucina Bio al 100% una tecnica che si riassume nel payoff: “Il ristorante che non cuoce niente!”. L’estetica del locale -manco a dirlo- è essenziale. Via Panfilo Castaldi 21. Tel. 02.89058575 http://www.mantrarawvegan.com

Bar Luce: Wes Anderson ha creato un set cinematografico per il bar della Fondazione Prada. Ispirandosi alla tradizione popolare italiana degli anni Cinquanta e Sessanta il regista ha voluto riproporre lo stile “Miracolo a Milano” dove neo-realismo e pop convivono alla perfezione. I dolci sono prodotti dalla Pasticceria Marchesi. Largo Isarco 2 Tel. 02.56662611 www.fondazioneprada.org/barluce

Bar Basso: Qui siamo alla cronaca degli immortali. Il bar che più descrive la milanesità di ieri e di oggi. Tra i 500 possibili cocktail non puoi sopravvivere a Milano senza aver provato lo storico Rossini di Mirko Stocchetti o il Negroni sbagliato®. Via Plinio 39 Tel. 02.29400580 www.barbasso.com

The Small Bistrot: Cucina essenzialmente italiana con variazioni sul tema del mediterraneo terra e mare in un menù che segue solo e soltanto le offerte di stagione. Le torte sono buonissime e l’ambiente è un vero e proprio gioiello. Ospitando installazioni d’arte, il proprietario e designer di borse Giancarlo Patriglia realizza qui il suo sogno di creare uno spazio dove far confluire moda e creatività in ogni sua espressione. Via Niccolò Paganini 3 Tel. 02.20240943 www.thesmall.it

Enrico Bartolini al Mudec: Uno degli spazi più accoglienti della città, all’interno del Museo delle Culture. La scelta dello chef al ristorante e al fratello bistrot è ambiziosa: Enrico Bartolini (due stelle Michelin) e la sua brigata, che hanno pensato anche ad una formula light lunch con un percorso di degustazione che si sviluppa sempre attorno alla scelta di un ingrediente di stagione. Via Tortona 56 Ristorante Tel. 02.84293701 Bistrot Tel. 02.84293706 www.enricobartolini.net

Potafiori: A colazione si può godere della preparazione dei fiori freschi appena arrivati; la sera davanti a un calice di vino e un piatto creato dal cuoco Giorgio Bresciani, se è in vena, può capitare di sentir cantare Rosalba, l’ormai celebre cantafiorista, che nel suo terzo negozio di fiori e piante ha deciso di includere una cucina. Via Salasco 17 Tel. 02.87065930 www.potafiori.com

Elita Bar: Questi sono i ragazzi che fanno ballare la città con il festival Elita. I cocktail sono molto buoni e la cucina sforna piatti veloci semplici e gustosi. Ambiente giovane, propositivo e creativo. Imperdibile se si ha voglia di uscire dalla routine e far due passi in zona Navigli. Via Corsico 5. Tel. 02.3679871

The Botanical Club: Dopo il successo dello speakeasy di Via Pastrengo quelli del Botanical hanno aperto un locale grande, bello e metropolitano in via Tortona. La prima microdistilleria di gin a Milano contribuisce a rendere molto speciale questo locale che piace a giovani hipsters, managers e design freaks. Pranzo e cena sorprendono sempre. Anche per conoscere volti nuovi della Milano creativa. Via Tortona 33. Tel. 02.4232890 www.thebotanicalclub.com

Ceresio 7: Un’oasi di eleganza cosmopolita. La piscina sulla terrazza dell’edificio ex Enel e la vista sulla nuova Milano sono già due validi motivi per volerci andare per un caffè o un aperitivo. Gli interni disegnati con grazia modernista conquistano e confortano. Il pranzo prevede molti piatti freschi e leggeri, mentre per la cena c’è da provare a prenotare. Via Ceresio 7. Tel. 02.31039221 www.ceresio7.com

Michetta’s: “Non è michetta se non fa briciole”. Il panino più storico di Milano al massimo del suo splendore in un locale accogliente aperto appena un mese fa, dove anche i cocktail sono molto buoni. Da provare le michette dolci a colazione. Via Ambrogio Campiglio 13 Tel. 02.45478564

Ti potrebbero interessare anche:

ESTATE - Vitamina D, fondamentale anche per la salute del cuore e di altri organi
In 13 chiusi in cella per 7 giorni senza cellulari né Internet: l'esperimento a Montefiascone
Da dieta a farmaci, sul telefonino l''identikit' del nostro stile di vita
Metà colazione, metà pranzo il brunch light conquista i millennials
Violenza sulle donne, in 10 punti cosa fare per salvarsi
La crisi cambia le città: meno negozi, più Street food e B&B



wordpress stat