| categoria: attualità, primo piano, Senza categoria

Lo stadio a Tor di Valle si farà. Ma alle condizioni grilline

++ Stadio Roma:c'è accordo,"via torri e -50% cubature" ++Miracolo, la coppia Grillo-Raggi è riuscita a far ingoiare alla Roma e al clan dei costruttori il rospo di uno stadio tutto diverso dal progetto iniziale. Mangiare la minestra o saltare dalla finestra. Da quel che si può capire pur di non rinunciare a Tor di Valle è passato tutto. E la Raggi può sventolare alto il vessillo grillino. Dunquel’accordo per lo stadio della Roma c’è. Con un taglio delle cubature del 50% e senza torri. «Ci siamo riusciti: #UnoStadioFattoBene», ha twittato il sindaco Virginia Raggi. «Questa amministrazione ha raggiunto un accordo con la Roma», ha dichiarato poi uscendo dal Campidoglio. «Avevamo detto che lo stadio si sarebbe fatto nel rispetto della legge e lo abbiamo ottenuto, grazie anche alla disponibilità della nostra controparte, ora alleata per andare avanti in un progetto ecosostenibule e nell’interesse dei cittadini», ha continuato Raggi illustrando con il dg della Roma Mauro Baldissoni l’intesa raggiunta.«Tre torri eliminate; cubature dimezzate, addirittura il 60% in meno per la parte relativa al Business Park; abbiamo elevato gli standard di costruzione a classe A4, la più alta al mondo; mettiamo in sicurezza il quartiere di Decima che non sarà piu soggetto ad allagamenti; realizzeremo una stazione nuova per la ferrovia Roma-Lido», ha poi scritto il sindaco su Facebook. «The next chapter begins (“comincia un nuovo capitolo”). Forza Roma». Così il presidente della Roma, James Pallotta, ha commentato con l’Ansa l’annuncio dell’accordo sul nuovo stadio. «A nome del presidente Pallotta e della Roma voglio ringraziare il sindaco. Siamo molto orgogliosi di aver raggiunto un accordo che migliora il progetto con un intervento importante. È un giorno storico», ha sottolineato Baldissoni.

Le opere pubbliche previste nel progetto dello stadio della Roma restano ma potranno essere realizzate in due fasi. Sarebbe questo uno dei dettagli, a quanto si apprende, della intesa tra Campidoglio e proponenti sullo Stadio della Roma. Alcune opere come il potenziamento della Roma Lido, gli interventi sulla via del Mare e sul fosso del Vallerano andranno realizzate necessariamente prima dell’apertura dello stadio. Altre come il ponte e lo svincolo della Roma Fiumicino potranno essere fatte anche dopo l’apertura dell’impianto. I proponenti del progetto Stadio della Roma a Tor di Valle dovrebbero poi chiedere una sospensione di 30 giorni della conferenza dei servizi. La prossima riunione è fissata al 3 marzo.«Abbiamo rivoluzionato il progetto dello stadio della Roma e lo abbiamo trasformato in una opportunità per Roma – ha continuato Raggi -. Abbiamo sempre detto di essere favorevoli alla realizzazione dello stadio ma nel rispetto della legge e per il bene della nostra città. Ci siamo riusciti. Abbiamo evitato il progetto monstre ereditato dalla precedente amministrazione. A Tor di Valle nascerà uno stadio ma moderno, ecocompatibile, all’avanguardia dal punto di vista delle tecnologie ma soprattutto sarà un’opera che rispetterà molto di più l’ambiente e il territorio. E abbiamo previsto una convenzione con i costruttori: avranno priorità le opere di urbanizzazione utili alla città e ai romani, come la messa in sicurezza dell’area di Decima o il potenziamento della ferrovia Roma-Lido grazie a cui si accorceranno i tempi per andare e venire dal litorale di Ostia».

«Questa è una serata importante per la Roma. Non vediamo l’ora di costruire uno stadio che Roma possa mostrare a tutto il mondo del calcio», afferma ancora Pallotta. «È stato un percorso molto lungo, che potrebbe essere paragonato a quello fatto dai nostri antenati Romani in molte campagne del passato. Ma la prossima tappa di questo viaggio – prosegue la dichiarazione di Pallotta – è di fronte a noi e, per questo, vorrei ringraziare prima di tutto i nostri tifosi. Sono i migliori al mondo». «Un grande ringraziamento va alla sindaca Virginia Raggi e al vicesindaco Luca Bergamo – si legge ancora – e a tutti gli altri membri dell’amministrazione, senza dimenticare Luca Parnasi e la sua squadra. E più di tutti voglio far sentire il mio grazie a Mauro e a tutto lo staff dirigenziale della Roma, che ha lavorato qui e all’estero, assieme ai giocatori e all’allenatore».

Il vertice tra gli amministratori grillini e i proponenti del progetto del nuovo stadio della Roma, inizialmente previsto per le 16, è iniziato poco dopo le 21.15. In Campidoglio si è presentata una delegazione di 8 persone guidate dal dg della Roma Mauro Baldissoni. Raggi, in un vertice di maggioranza che ha preceduto l’incontro con i manager della Roma, ha provato a convincere l’ala più riottosa del Movimento 5 stelle.

Ti potrebbero interessare anche:

Iorio al Centrosinistra: fronte comune contro il piano sanitario
RIFIUTI/ 2 - Zingaretti, mettiamo 70 milioni per la differenziata a Roma
CARCERI/ Sappe: 'A Torino poliziotto spara a ispettore e lo uccide'
Autodemolitori solo fuori dal Gra. Slittano gli "sfratti"
Germania, profugo siriano uccide donna a colpi di machete e ferisce 2 persone
Genova, trovate altre vittime, oggi i funerali di Stato



wordpress stat