| categoria: sport

SERIE B/ Frosinone batte il Verona. Spal, vittoria e secondo posto

Il Frosinone batte il Verona e si aggiudica il big match della B. Per la Spal vittoria e secondo posto, approfittando del ko interno del Benevento. Cade il Carpi in casa dell’Entella. In coda cade la Ternana e colpi importanti per Pisa, Pro Vercelli e Trapani.

Frosinone-Verona 1-0 – Un rigore di Daniel Ciofani al 15′ del primo tempo, decretato dall’arbitro Chiffi per un intervento di Romulo su Maiello, ha deciso la sfida fra Frosinone e Verona. Con questi tre punti i ciociari di Marino consolidano il primo posto con 51 punti portandosi a più cinque sulle terze Benevento e lo stesso Verona. La squadra di casa ha mancato la rete del raddoppio con Dionisi al 28′ del primo tempo ed al 20′ del secondo, mentre su Daniel Ciofani al 32′ della prima parte di gara ha compiuto un prodigio il portiere veronese Nicolas deviando in angolo un suo colpo di testa. Il Verona ha prodotto il suo sforzo nel finale dopo aver, in modo sterile, attaccato in modo frontale la difesa del Frosinone, arrivata alla quinta gara senza aver subito reti. Alla mezzora della ripresa un tiro di Bessa ha sfiorato il palo mentre al 41′ il portiere di casa Bardi ha rimpallato una conclusione di Franco Zuculini.

Spal-Perugia 2-0 – La Spal batte 2-0 il Perugia in una sfida molto combattuta e si issa al secondo posto in classifica. Inizio sonnolento da parte della formazione biancazzurra che fatica a costruire azioni, con il pallino nelle mani del Perugia. Al 5′ Meret salva su conclusione ravvicinata di Di Carmine che aveva saltato Vicari. All’8′ conclusione dalla distanza di Guberti e Meret controlla sicuro. La Spal crea il suo primo pericolo dalle parti di Brignoli al 32′, ma la conclusione di Antenucci sfiora di poco il palo. La partita sembra in una fase di stanca ma ci pensa Floccari al 38′ a risvegliarla, riceve palla sulla tre quarti da Schiattarella, avanza di qualche metro e infila un bolide sotto la traversa. Grande azione della Spal al 42′: lancio di Schiattarella per Floccari che la dà ad Arini ma la palla esce di poco sul fondo. Nella ripresa meglio il Perugia: in un minuto due salvataggi di Meret, al 5′ su conclusione di Ricci nell’angolino e poi su Dezi. Gli umbri stazionano in maniera fissa nella metà campo biancazzurra rendendosi pericolosi a più riprese, ma non trovano il guizzo. La Spal non si fa vedere sul fronte offensivo fino al 36′ quando, su calcio d’angolo di Schiattarella, Vicari colpisce di poco alto sopra la traversa. Nel recupero grande contropiede della Spal: il neo entrato Finotto la dà a Costa che la mette in mezzo per Schiattarella, che segna il 2-0.

Avellino-Vicenza 3-1 – L’Avellino festeggia sotto una pioggia incessante l’ottavo risultato utile consecutivo della gestione Novellino, centrando la quinta vittoria della striscia ai danni di un decimato Vicenza. Gli irpini chiudono la pratica già nel primo tempo con la doppietta di D’Angelo (28′ e 38′) e ad inizio ripresa mettono al sicuro il risultato con Ardemagni (al 3′) che irrompe al limite dell’area, dopo un pasticcio della difesa veneta, e batte con una rasoiata Benussi, costretto qualche minuto dopo ad uscire per infortunio. Nonostante il terreno di gioco pesante, l’Avellino ha controllato in lungo e in largo il match, facendosi sorprendere soltanto dalla conclusione dal limite di Bellomo (20′ st) per il 3-1 finale. Nel finale arrembaggio dei veneti con Bellomo (38′) che dalla distanza fa partire un destro potente che Radunovic riesce a deviare in angolo con un prodigioso colpo di reni. Con il successo di oggi l’Avellino si porta a tre punti dalla zona play off, mentre il Vicenza di Pierpaolo Bisoli, arrivato ad Avellino con una rosa falcidiata tra indisponibili e la squalifica di Signori ha poco da rimproverarsi. La salvezza, per i veneti, resta una sfida non impossibile.

Novara-Spezia 2-1 – Prima vittoria casalinga del 2017 per il Novara, che batte 2-1 lo Spezia grazie alle reti nel primo tempo di Macheda e Galabinov, che vanifica il momentaneo pareggio di Granoche. In classifica i piemontesi si avvicinano alla zona playoff, che i liguri non abbandonano nonostante la sconfitta. Da segnalare il primo gol in Italia, al 29′ del primo tempo, di Macheda, rapido a calciare alle spalle di Chichizola al termine di una azione confusa. Dopo soli 5′ arriva la rete di Granoche, che riporta il punteggio in parità. Il raddoppio del Novara al 45′, con Galabinov (tre gol nelle ultime tre partite) bravo a sfruttare di testa il cross di Chiosa. Il punteggio non cambia nella ripresa.

Cesena-Pro Vercelli 1-2 –
Impresa della Pro Vercelli, al primo successo esterno del campionato. Un gol per tempo e la squadra di Longo si rilancia dopo le quattro sconfitte di inizio anno. Male male il Cesena, bene la squadra piemontese che gioca come deve fare (attenta, solida in fase di non possesso, veloce nel ripartire) e sfrutta anche la giornataccia di Agliardi. Il primo gol che sblocca la partita nasce al 18′ tutto da un errore del portiere: il tiro di Bianchi è debole, Agliardi va giù male e la palla gli passa sotto la pancia. Il Cesena la rimette subito in piedi due minuti dopo: punizione di Ciano, testa di Rigione ed è gol. Ma la partita dei romagnoli è più errori che altro, difficoltà nell’impostare, nel produrre qualcosa. Nella ripresa la vivacità della Pro aumenta, Bianchi gioca una grande partita, fa salire la squadra e non perde un pallone. Il sorpasso all’81’: punizione dai 20 metri, Mammarella tocca per Emmanuello che scocca di destro un bolide rasoterra. Il tiro è sul primo palo, Agliardi va ancora una volta giù tardivamente ed è gol. Cocco ha la palla del 2-2 ma calcia alto un rigore in movimento: sarebbe stato fin troppo per la prestazione povera offerta dal Cesena.

Entella-Carpi 2-0 – L’Entella dimentica la sconfitta casalinga con la Spal di due settimane fa e vince col Carpi. Al Comunale di Chiavari finisce 2-0. I liguri salgono a 38 punti a contatto con l’ultimo posto valido per i play off, in condominio con lo Spezia. Partenza sprint per gli emiliani che sfiorano il vantaggio al 1′ e al 10′ con Letizia e Lasagna ma il portiere di casa Iacobucci è bravissimo. Reagisce l’Entella con Tremolada ma il portiere Belec neutralizza con bravura mentre in chiusura di tempo il portiere dei liguri sventa su Bianco. E’ stata una prima frazione piacevole con le squadre alla ricerca del vantaggio. Nella ripresa l’Entella chiude i conti prima con Caputo al 15′ e poi al 27’ con Catellani. Per il Carpi una brutta frenata verso la corsa ai play off e sorpasso subito proprio dall’Entella e dal Novara che ha battuto l’altra ligure, Lo Spezia.

Ascoli-Pisa 2-4 – L’Ascoli cade in casa contro il Pisa e perde, dopo undici turni di imbattibilità, al termine di una partita emozionante e finita 4-2 per i toscani. Era partito bene l’undici ascolano in vantaggio al 3′ con Favilli. La squadra di Aglietti ha però subito la reazione degli ospiti già nel primo tempo chiuso in vantaggio dal Pisa per 3-1 grazie alla doppietta di Masucci (26′ e 42′) inframezzata dalla rete di Mannini (37′). In avvio di ripresa la rete al 3′ di Cacia ha illuso i padroni di casa. Un tiro dal limite di Angiulli al 19′ ha infatti poi fissato il definitivo 2-4.

Ternana-Latina 0-1
– Il Latina ha battuto la Ternana per 1-0 in una partita di serie B giocata in terra umbra allo stadio Liberati. Il match si sblocca al 23′, quando i pontini passano in vantaggio al termine di un’azione manovrata: Bandinelli mette in area rossoverde un cross che De Vitis, di testa, spinge alle spalle di Aresti. La Ternana non reagisce e il Latina al 37′ manca il raddoppio: sinistro di Corvia a botta sicura, Valjent salva sulla linea ad Aresti battuto. La Ternana si rende pericolosa al 15′ st con Avenatti che sbaglia la mira da buona posizione. Poi ha la palla buona per pareggiare al 25′: La Gumina, da posizione favorevole, spedisce sul fondo. Al 90′ ci pensa Pinsoglio a mettere in cassaforte la vittoria, con un miracolo su Avenatti

Trapani-Salernitana 1-0 – Il Trapani batte in casa la Salernitana per 1-0 e lascia l’ultimo posto alla Ternana. Ai granata basta la rete di Maracchi al 40′ del primo tempo. I siciliani controllano nel secondo tempo e sfiorano anche il raddoppio.

Ti potrebbero interessare anche:

Sorpresa, il Milan ferma il Barcellona di Messi e Neymar
Trionfo Nibali, "Non è un sogno, ho vinto davvero"
Azzurro pallido: ecco la nuova maglia della Nazionale per Euro 2016
Europei Under 21: 1-0 alla Germania, Italia in semifinale
LA ROMA FA IL GAMBERO, LA SPAL IL COLPACCIO
Basket: Reyer Venezia campione, è il quarto titolo della sua storia



wordpress stat