| categoria: Scienza

Nanocristalli d’argento per la diagnosi precoce dell’Alzheimer

Identificare ‘l’impronta digitale’ di proteine e biomarcatori quando sono ancora presenti in minime tracce, riuscendo così a fare una diagnosi precoce di malattie neurodegenerative, come Alzheimer e Parkinson. A mettere a punto la tecnica un team di ricercatori dell’Istituto di fisica applicata (Ifac-Cnr), in collaborazione con i colleghi dell’Istituto di microelettronica e microsistemi (Imm-Cnr), del Dipartimento di chimica e scienze geologiche dell’Università di Modena e Reggio E. e dell’Università statale di Saratov (Russia). La ricerca è stata pubblicata su Acs Nano.
“La metodologia si basa sull’attivazione laser di nanocristalli (cristalli che hanno dimensioni dell’ordine del nanometro, unità di misura equivalente a un miliardesimo di metro) d’argento a forma di cubo; attivazione che consente di identificare molecole precursori della malattia presenti nei fluidi biologici (sangue, urina, fluido cerebrospinale)”, spiega Paolo Matteini dell’Ifac-Cnr, primo autore del lavoro e coordinatore del team.

Ti potrebbero interessare anche:

Creata la prima trachea con stampante 3d usando cellule
Alzheimer: scoperto gene che ritarda la malattia di 17 anni
FARMACI/ Progetto di aziende Usa per testare un "cocktail"anti-cancro
Diabete, un gene mutato protegge dalle complicanze
Non solo inconscio, qualità dei sogni è questione di chimica
ISOLATO NEL DNA DI UNA DONNA IL GENE ANTI ALZHEIMER



wordpress stat