| categoria: società

Ocse, donne italiane al top lavoro a casa, i partner non aiutano

Le donne italiane dedicano in media al lavoro “non pagato”, ovvero quello per la cura dei figli, dei parenti e della casa oltre cinque ore al giorno piazzandosi al quarto posto tra i Paesi Ocse. Il dato risente della scarsa collaborazione dei partner nel nostro Paese che, con appena 100 minuti al giorno in media, si piazzano al quarto posto tra i meno impegnati nelle attività di cura della famiglia. I dati sono contenuti in uno studio Ocse sull’esperienza tedesca sulla condivisione del lavoro in famiglia che analizza la situazione nei principali paesi sviluppati.
Le donne con un partner tra i 25 e i 44 anni, l’età nella quale l’impegno in casa è maggiore per la frequente presenza di figli piccoli – spiega la ricerca – spendono in tutti i paesi Ocse più tempo per fare lavoro non pagato rispetto agli uomini anche a fronte delle stesse ore lavorate fuori casa. In Italia – secondo la ricerca -le donne lavorano in casa almeno il doppio degli uomini a prescindere dal loro impegno in un impiego pagato.

Ti potrebbero interessare anche:

Aumentano i bimbi nati in provetta. Oltre 12.600 nel 2014
Siamo un popolo di “bulli? L'Aied Roma lancia un sondaggio
Via a City4age, progetto europeo per città amiche degli anziani



wordpress stat