| categoria: attualità, Senza categoria

Wikileaks: ‘La Cia spia attraverso telefoni e televisori’

Wikileaks ha diffuso migliaia di documenti riservati della Cia su un programma di hackeraggio, attraverso un ‘arsenale’ di malware e di cyber-armi. Con tali strumenti la Cia sarebbe in grado di controllare i telefoni di aziende americane ed europee, come l’iPhone della Apple, gli Android di Google e Microsoft, e persino i televisori Samsung, utilizzandoli come microfoni segreti.

Wikileaks ha anche annunciato su Twitter di aver pubblicato migliaia di documenti che – secondo l’organizzazione fondata da Juliane Assange – provengono dal Center for Cyber Intelligence della Cia. Di recente – spiega Wikileaks – la Cia ha perso il controllo di gran parte del suo cyber-arsenale, compresi malware e virus di ogni genere. “Questa straordinaria collezione – spiega l’organizzazione di Assange – che conta diverse centinaia di milioni di codici, consegna ai suoi possessori l’intera capacita’ di hackeraggio della Cia”. “L’archivio – si spiega ancora – e’ circolato senza autorizzazione tra ex hacker e contractor del governo Usa, uno dei quali ha fornito a Wikileaks una parte di questa documentazione”.

Dai documenti diffusi da Wikileaks emerge anche che il consolato americano a Francoforte è usato come base sotto copertura dagli hacker della Cia, che avrebbero coperto da Francoforte l’Europa, il Medio Oriente e l’Africa.

Ti potrebbero interessare anche:

Scuola: concorso prof, lunedi' al via prove scritte
Così fiorisce il Lago Maggiore
PRIMARIE PD/ In fila per votare, nella capitale 225 seggi
Morta nel dirupo, chiesta la perizia psichiatrica per il fidanzato
ELISOCCORSO/ Anno record. Nel Lazio 2138 interventi
ALLARME ROSSO/ Per l'Italia il rischio di infrazione Ue è immediato



wordpress stat