| categoria: Dall'interno, Venezia

Venezia, tentata rapina con fumogeno in piazza San Marco

image
Per assaltare l’antica gioielleria Missaglia i banditi hanno creato una nube di nebbia artificiale. Ma il cliente di un caffè si accorge che qualcosa non va, e la rapina va a vuoto. E’ successo l’altro giorno in piazza San Marco, poco dopo le 13, con una sequenza da film. Uno dei fumogeni è stato acceso proprio a ridosso del Campanile di San Marco. Accertamenti in corso da parte delle forze dell’ordine per individuare l’autore e i motivi del gesto. Sul posto si sono precipitati polizia, carabinieri e polizia municipale, per cercare di capire nel dettaglio cosa sia successo. Stando a una prima ricostruzione a entrare in azione sono stati tre o quattro banditi, forse armati di pistola, ma il colpo ai danni della gioielleria Missiaglia è fallito. Il fumo infatti ha insospettito sia il personale della gioielleria che del vicino Caffè Quadri. Per cercare il colpo i banditi hanno messo due fumogeni sotto il Campanile, vicino alla porta dalla quale si esce dopo la visita al Campanile, e di questi ne è stato acceso solo uno. Uno dei banditi, dopo averlo acceso, si è allontanato verso la riva, probabilmente indirizzandosi verso Riva degli Schiavoni. Un ulteriore fumogeno è stato messo e acceso nella Calle del Cappello Nero, nel retro Caffè Quadri. E’ stato un turista seduto ad un tavolo del Caffè Quadri a sventare la rapina. Il negozio reca ancora l’insegna “Missiaglia”, ma da tempo ha cambiato propriet e oggi rivenditore di Damiani e Rocca 1794. La direttrice della gioielleria infatti, intesa l’intenzione dei due finti clienti che erano riusciti a entrare nel negozio, si è messa a colpire la vetrina della gioielleria, attirando l’attenzione di un cliente del vicino Caffè Quadri che, resosi conto di quello che stava succedendo, si è messo ad urlare e ha attirato l’attenzione delle forze dell’ordine.

Ti potrebbero interessare anche:

Indesit: ai sindacati piano di riassetto, riguarda 1.400 dipendenti
E' morto don Piero Gelmini, fondatore della Comunità Incontro per il recupero dei tossicodipendenti
Castelfranco, madre di tre figli stuprata in casa dal corriere. Lui: «Era consenziente». E scatta il...
Incendi in tutta Italia: Campania e Lazio le regioni più colpite
Confetti scaduti riciclati, pasticcerie sporche, bliz dei Nas in Abruzzo
«Lei qui non entra»: sindaco cacciato dalla preside il primo giorno di scuola,



wordpress stat