| categoria: litorale

Allevatori sfrattati: Maccarese perde il punto vendita biologico a Km Zero

Continua la protesta dei lavoratori del laboratorio dell’Associazione Regionale Allevatori (ARAL) di Maccarese contro la chiusura della sede e la conseguente perdita del posto. E’ stato deciso: entro 60 giorni, il laboratorio dovrà lasciare la sua sede storica per trasferirsi nella struttura di Testa di Lepre, una frazione di Fiumicino. In un clima incandescente arriva il sostegno agli allevatori dal presidente dell’associazione Cristiano popolari, Mario Baccini.
“La salute dipende da ciò che mangiamo e da chi fa i controlli sui nostri cibi è una lezione che ogni giorno ascoltiamo da medici e nutrizionisti di ogni sorta ma sembra che nel Lazio questo pensiero non sia condiviso. La situazione dello smantellamento dell’Aral è inaccettabile. La situazione va assolutamente recuperata per garantire sia i lavoratori competenti che hanno sempre salvaguardato la qualità del loro operato e dei cibi del Lazio sia per permettere alla nostra regione di non privarsi di un’azienda che garantisce e certifica in modo ottimale un servizio necessario. Si parla tanto di sostegno alle aziende a km0, di ecosostenibilità di incentivi al biologico e non si può dunque permettere la chiusura di una eccellenza di casa nostra”. Così in una nota Baccini che aggiunge: “presto incontrerò i lavoratori per assicurare tutto il sostegno possibile alla loro causa”.

Ti potrebbero interessare anche:

CIVITAVECCHIA/ Porrello (M5S): 'Va rivista la concessione affidata alla 'Privilege''
MAFIA CAPITALE/ L'assessore Sabella vuole l'esercito a Ostia
Castelporziano, il commissario Sabella e il comandante Di Maggio guidano le demolizioni
Le sei spiagge "malate" del Litorale laziale
Sperlonga, giornalisti minacciati davanti all'albergo sequestrato
QUI SABAUDIA/ Complimenti allo Scoglio, cinquant'anni ben portati



wordpress stat