| categoria: litorale

SABAUDIA/ Vu cumprà sulla spiaggia? Solo con il badge del Comune

Da questa estate se non si sarà dotati di tesserino fornito dal Comune non si potrà vendere nulla sul lungomare di Sabaudia. Cambiano le regole per la gestione dei numerosi ambulanti che circolano sulle dune della città pontina smerciando di tutto. Il commissario straordinario Antonio Luigi Quarto ha infatti emesso un’ordinanza con la quale si disciplina il fenomeno sia per quanto riguarda la vendita itinerante mediante utilizzo di strutture di particolare ingombro che producono gravi inconvenienti al traffico veicolare sia per quanto riguarda quella che avviene direttamente sull’arenile. Lo scorso anno l’ex sindaco aveva emesso un’ordinanza con la quale si autorizzava solo la vendida di cibo in spiaggia vietando tutto il resto. Per il 2017 si cambia. É vietato il commercio itinerante di qualsiasi prodotto sulla strada lungomare salvo i posteggi individuati dal regolamento comunale di occupazione temporanea per commercio su aree pubbliche in modo da non creare intralcio al traffico veicolare. Per quanto attiene il commercio itinerante, di ombrellone in ombrellone, questo sarà consentito, dal 1° maggio al 30 settembre di ogni anno sull’arenile di Sabaudia, per qualsiasi prodotto, solo a coloro che saranno in possesso di apposita autorizzazione annuale rilasciata dal settore Attività Produttive del Comune di Sabaudia fermo restando il rispetto della vigente normativa in materia di commercio e igienico – sanitaria. Per consentire il rilascio di queste autorizzazioni amministrative annuali le istanze, prodotte su apposito modello pubblicato sul sisto Suap del Comune di Sabaudia e corredate di tutti gli allegati richiesti, dovranno pervenire in modalità telematica tra il 20 e il 30 aprile di ogni anno. Il commercio sarà consentito solo al di fuori delle spiagge date in concessione salvo espressa autorizzazione dei concessionari. I mezzi di ausilio al commercio itinerante su demanio marittimo saranno consentiti unicamente per la vendita di prodotti alimentari e dovranno rispondere alle disposizioni concordate per la stagione 2016 con gli enti preposti alla tutela degli arenili. In sostanza saranno ammessi carrelli di modeste dimensioni tali da poter essere trasportati a traino o a spinta manuale dotati di ruote gommate per non danneggiare la duna. I titolari delle autorizzazioni saranno forniti di cartellino identificativo rilasciato dal Comune che dovrà essere esibito durante la vendita. Sull’arenile sarà invece vietata qualsiasi pubblicità sonora o di volantinaggio in quanto, in più occasioni, in passato, in concomitanza dello svolgiemento di questo tipo di attività si è registrato l’abbandono del materiale distribuito sulla spiaggie e sulle strade, con conseguente depauperamento del patrimonio naturale per l’abbandono di rifiuti nonché di pericolo per la sicurezza dei veicoli e dei pedoni.

Ti potrebbero interessare anche:

Civitavecchia, fermato ladro specializzato in furti degli appartamenti
IL PUNTO/ A Sabaudia c'è un problema di sicurezza?
Ostia, sigillo continuo. Abusi edilizi anche all'Hakuna



wordpress stat