| categoria: litorale

LITORALE/ Concessioni scadute ed erosione delle spiagge, è già emergenza

180936930-896becfd-122d-4f28-8dab-8bd363d0c3abMare e sole, il litorale romano torna protagonista, ma è già emergenza. Mancano i servizi, manca chiarezza sul futuro, il prossimo avvio della stagione balneare si presenta come una corsa ad ostacoli

OSTIA
Spazzatura, immondizia e tende di fortuna dei senza fissa dimora la fanno da padroni sugli arenili di Ostia. Le spiagge libere non sono state assegnate e restano abbandonate al degrado. Sulla spiaggia Happy Surf delle tende sono comparse anche negli scorsi giorni. “Fino al mese di marzo un gruppo di volontari si è occupato di ripulire l’arenile, poi abbiamo smesso anche noi. L’amministrazione non può ignorare lo stato in cui sono ridotte le spiagge libere. Siamo preoccupati, ormai queste spiagge sono terra di nessuno e sono state occupate dagli abusivi che hanno addirittura montato delle tende. Una vergogna”, commenta Stefano Albertini, ex gestore di uno dei lidi.

CASTELPORZIANO
Stessa sorte per le spiagge di Castelporziano, dove sono stati abbandonati calcinacci e impalcature di un cantiere chiuso ormai da mesi. Ma a complicare la situazione sui due chilometri di arenile concesso nel 1965 al Comune dall’allora Presidente della Repubblica, Giuseppe Saragat, c’è il contenzioso relativo ai chioschi, che ha appena visto soccombere al Tar il Consorzio Castelporziano 98. Nel 1990, pagando 600 milioni di lire alla curatela fallimentare dell’Ente comunale che si occupava della zona cosiddetta dei cancelli, i consorziati acquistarono cinque chioschi e, nell’agosto 2002, siglarono una convenzione con il Campidoglio relativa ai servizi di balneazione, pulizia e guardiania. Scaduta la convenzione nel 2014 e dopo che ai gestori dei chioschi erano stati contestati anche una serie di abusi edilizi, il Consorzio Castelporziano 98 ha impugnato la mancata proroga dei permessi fino al 2020, come previsto per le concessioni demaniali. Il Tar, a distanza di tre anni e dopo che nella scorsa stagione molti sono stati i disagi per l’assenza di servizi in quella zona, ha però rigettato il ricorso, specificando che i consorziati avevano un appalto e non una concessione demaniale. Dunque nulla che potesse essere prorogabile per legge. Con la conseguenza che anche quest’anno “i cancelli” rischiano di restare senza servizi.
Problemi davanti ai quali i cittadini del X Municipio, commissariato per mafia, si stanno intanto organizzando per sensibilizzare l’amministrazione. E una prima manifestazione spontanea è prevista per giovedì mattina sotto il parlamentino lidense.

FREGENE
Leggermente più a nord, nella più esclusiva Fregene, negli ultimi anni alle prese con un devastante fenomeno erosivo, le mareggiate invernali hanno invece finito per mettere in ginocchio sei stabilimenti balneari. Un colpo pesantissimo per i lidi La Nave, Point Break, Capri, Ri- vetta, La Perla e Il Tirreno. E dopo le tante promesse fatte negli ultimi tempi la Regione ha messo a disposizione 600mila euro per intervenire su 800 metri di arenile. Un’operazione in tre fasi: ripascimento della costa, rifacimento della foce del canale delle Acque Alte e installazione di un geotubo, una sorta di sacco enorme di sabbia da posizionare in mare. L’appalto è stato vinto dalla Sales spa ed è stato subito dato il via al primo cantiere, mentre un secondo aprirà a maggio.
Ma la situazione è affatto semplice. L’arretramento rispetto alla linea di costa ha raggiunto anche i 25 metri e soprattutto per quanto riguarda il geotubo, lungo ben 750 metri, le difficoltà sono notevolissime, tanto che il progetto di recente è stato stoppato dalla stessa Regione Lazio e rinviato alla valutazione di impatto ambientale.

Ti potrebbero interessare anche:

CIVITAVECCHIA/ Sequestrata carne di delfino
"Adottiamo una passerella", il M5S scende in campo per i disabili al Lungomare di Latina
LITORALE/ Controlli a tappeto dei vigili, sanzionati anche parcheggiatori
Cusani si riaffaccia a Sperlonga ed è subito rissa. Tornerà a fare il sindaco?
Bello & buono, musica e sapori locali a Sperlonga
Stop alla sospensione: Armando Cusani torna sindaco di Sperlonga



wordpress stat