| categoria: editoriale

Se vince la Le Pen cambia tutto, e non solo a Parigi

Capita di rado che elezioni nazionali possano avere riflessi importanti, molto importanti, sugli equilibri politici del quadrante geopolitico circostante e, ancora, su quelli mondiali. Ma le presidenziali francesi ci portano su questa strada di ragionamento. Scontato il fatto che al primo turno nessuno dei candidati si è minimamente avvicinato alla soglia del 50% dei suffragi necessario per avere la maggioranza, e che la partita si giocherà al secondo turno, l’attenzione è ora concentrata sulla sfida Le Pen contro tutti. Il centrista Macron, il liberale Fillon, la sinistra sconfitta di Mélenchon proveranno ad evitare la clamorosa svolta a destra – una destra conservatrice e aggressiva – della Francia. Infatti se vincesse il Front National l’Unione Europea sarebbe sostanzialmente finita dopo la Brexit e non resterebbe che prenderne atto con i prevedibili esiti centrifughi anche per l’Italia. Inoltre si modificherebbero anche gli equilibri mondiali con un rafforzamento dell’asse Francia – Russia e Francia – Usa che potrebbe permettere ai francesi da fare da mediatori tra Trump e Putin. Non è cosa da poco. Trump non ha nascosto la sua simpatia politica per la bionda Marine, Putin la vede con interesse. Londra potrebbe riconsiderare diverse posizioni, mentre l’Italia di centro sinistra si troverebbe in grandissimo imbarazzo sia sul piano della politica europea che su quello della politica planetaria. Da che parte stare? E’ facile dire i cugini francesi restano cugini e tutto continua come prima. C’è un Salvini che scalpita e che se vincesse la Le Pen diventerebbe irrefrenabile, i grillini alzerebbero le barricate per cambiare le cose in Europa, una gran confusione. E la Merkel? Dovrebbe riconsiderare buona parte della sua politica. Alla fine della partita una rivoluzione copernicana che metterebbe in gioco l’equilibrio politico mondiale. Macron/Fillon/Melenchon riusciranno a convincere in fretta i francesi? Inutile dirlo, con buona pace del Pd, che la scomparsa del socialismo francese lascerà il segno. Quante probabilità ha Marine Le Pen di vincere? Oggi come oggi abbastanza. L’Europa attende con il fiato sospeso.

Ti potrebbero interessare anche:

Migranti, la verità è che Renzi non sa che fare
Renzi lasci perdere i proclami e pensi a come salvare gli italiani in miseria
Consip, un ignobile e assurdo pasticcio
Rifiuti elettorali
Calenda-Raggi litigano, la capitale affonda
A Roma la Lega chiede strada



wordpress stat