| categoria: Roma e Lazio

Bonus-periferia per i Comunales? Per chi va nei municipi decentrati 70 euro

Ci saranno indennità di disagio e rischio non solo per i vigili urbani e per i tecnici che curano il verde pubblico, ma anche per chi lavora agli sportelli dei Municipi. Amministrazioni di frontiera molto diverse come dinamiche dalla calda e accogliente pancia del Comune in Centro storico. Il ragionamento che ha portato all’introduzione di queste nuove voci nel contratto decentrato parte da una serie di dati estratti dalla pianta organica. Dati che se messi in fila fanno il loro effetto. Gli uffici del segretariato del Campidoglio contano 460 (quattrocentosessanta) dipendenti, la metà dei quali categoria C, funzionari amministrativi. Altri 200 si trovano annidati, per esempio, al dipartimento razionalizzazione della spesa. Tanti, pochi, troppi? Ecco un raffronto: il municipio di Tor Bella Monaca (il VI) conta su 700 dipendenti per 256mila abitanti, quello della Garbatella (l’VIII) su meno di 600 per 131mila residenti.
Da questo primo, semplice raffronto si capisce subito qual è il problema: tutti vogliono lavorare in Campidoglio, nelle sedi centralissime che puntellano il colle capitolino, e nessuno, invece, brama dalla voglia di andare negli uffici decentrati di municipi grandi per popolazione (e quindi servizi da erogare) come Trieste o Parma.
Anche perché, altro fatto non da poco, secondo l’ultimo report del dipartimento Risorse umane l’età media dei 23mila dipendenti si aggira intorno ai 52 anni. Basti pensare che gli assunti da Mamma Roma sotto ai 40 anni sono solo il 10% e che gli under 30 si fermano a un misero 0,4. Dunque per favorire la «migrazione» verso dove c’è bisogni di servizi ai cittadini l’amministrazione gioca la carta degli incentivi.
Allargando la platea di chi potrà usufruire di queste indennità di rischio e disagio, il Campidoglio conta di mettere sul piatto circa 70 euro al mese (lordi) in più per chi riuscirà ad accumularle. Si tratta infatti di 3 e 4 euro al giorno. Premi per chi ha rapporti diretti con il pubblico o che lavorano in zone periferiche. «Ma non si tratterà di un’indennità Tor Bella Monaca», tagliano corto dal Comune citando un quartiere del Campidoglio dove il contesto sociale è molto complicato per via della criminalità.
Sarebbe discriminante, mettono le mani avanti dallo staff della giunta Raggi. E soprattutto esporrebbe il contratto decentrato a un film già visto: le ispezioni e i rilievi del ministero dell’Economia, l’accusa di premi a pioggia e la mancata erogazione dei premi. Ecco perché la bozza di contratto non contiene l’indicazione di zone più o meno esposte al «disagio» o al «rischio» ma in sintesi dice che chi sta tutto il giorno a contatto con il pubblico per le carte d’identità o i certificati anagrafici è sottoposto a una serie di stress che difficilmente possono subire i 460 che lavorano al segretariato comunale. Dal ministero dell’Amministrazione pubblica aspettano di vedere il contratto per intero prima di esprimersi, di sicuro dal punto di vista politico questo sarà il vero banco di prova tra l’amministrazione grillina e l’esercito dei «comunali», che attraverso le mille sigle sindacali che li rappresentano non hanno dimostrato finora un atteggiamento ostile nei confronti di Virginia Raggi. Anzi.

Ti potrebbero interessare anche:

Sarà Storace il candidato per il Pdl nel Lazio? C'è chi lo dà per certo
Il dipendente Atac in ginocchio dalla madre di Marco: "È stata colpa mia"
Deposito in fiamme tra i palazzi: paura sulla Togliatti
Solo guai dalla Beirut dell'Eur, per le torri Tim e Cdp chiedono i danni al Comune
PIROZZI, PRONTO A 5 CONFRONTI PUBBLICI NELLE PROVINCE CON GLI ALTRI CANDIDATI
RIFIUTI: GIUNTA LAZIO, OK RICONVERSIONE IMPIANTI COLLEFERRO



wordpress stat