| categoria: primo piano

Primarie Pd, superato il milione e mezzo di votanti

Pd: il popolo dem al voto per le primarie, incognita affluenzaIl popolo dem al voto oggi per le primarie del partito nella sfida a tre fra l’ex premier Renzi, il guardasigilli Orlando e il governatore della Puglia Emiliano. Si vota in 10 mila gazebo e seggi in tutta Italia, dalle 8 alle 20. E sembra vinta la sfida dell’affluenza. Alle 17.00 l’affluenza ai seggi delle primarie del PD è risultata essere di 1.493.751 cittadini. “Ancora grazie a tutti coloro che hanno partecipato e a quanti fino alle ore 20.00 con il loro voto contribuiranno al successo delle primarie. Ringraziamo ancora una volta gli oltre 80mila volontari che stanno rendendo possibile questo importantissimo evento di partecipazione democratica”, dichiara la commissione Congresso in una nota.

Renzi, ‘Primarie grande festa per la democrazia’ – “E’ davvero una grande giornata, una grande festa per la democrazia”: così Renzi subito dopo aver votato alle primarie del Pd a Pontassieve, prima di lasciare il seggio di Pontassieve in cui ha votato. “Saranno davvero tantissime le persone che andranno e che sono già andate a votare. C’è la gioia per il Pd per aver dato questa straordinaria opportunità di decidere, e non lasciarla agli addetti ai lavori”, ha aggiunto.

Polemico beppe Grillo. “E’ completamente insensata la polemica sulla “democrazia dei clic” che sarebbe inferiore alla “democrazia delle schede di carta” di cui si fanno promotori il Pd, gli altri partiti del ‘900 e tutti i giornaloni. Nasconde una visione antistorica, antitecnologica, orientata al passato piuttosto che al futuro e anche un po’ feticista”. Lo scrive Beppe Grillo sul suo blog in post dal titolo “viva il voto online dedicato alle primarie del Pd. “La democrazia non è questione di clic, di code ai seggi, di alzate di mano o di schede su cui segnare una croce. La democrazia è – aggiunge Grillo – questione di consentire a tutti i cittadini di informarsi, di esprimere la propria opinione e di rendere effettiva la decisione collettiva. Come questo debba essere fatto: se online, ai seggi o tramite alzata di mano è un problema strumentale. Grazie alla tecnologia oggi è possibile votare online, un sistema molto più comodo rispetto a quello dei seggi fisici”.

In Campania sono stati aperti 552 seggi: 138 a Napoli e provincia, di cui 34 nel capoluogo, mentre nelle altre province sono così divisi: 146 a Salerno, 105 ad Avellino, 94 a Caserta, 69 a Benevento. L’attenzione in Campania è massima, visti gli scandali nelle ultime consultazioni, a partire dal caso delle monete da due euro distribuite ai seggi durante le primarie per le amministrative a Napoli, fino alle persone candidate a loro insaputa e al caos tesseramento in diverse città a febbraio. Anche per questo il Pd nazionale ha inviato in Campania il parlamentare Ernesto Carbone come osservatore. Alle ultime primarie nazionali del Pd in Campania, nel 2013, i votanti erano stati 193.318, di cui 192.463 voti validi. Renzi aveva ottenuto il 67,55% di preferenze, Cuperlo il 18,21% e Civati il 14,24%.

Ti potrebbero interessare anche:

Eurogruppo, accordo sulla Grecia: aiuti prorogati di 4 mesi
Mattarella: Il lavoro è priorità, l'evasione è inaccettabile
Siria, accordo Usa-Russia sulla transizione: tregua da lunedì
COREA/ Seul sgancia 8 bombe al confine. Trump: 'Tutte le opzioni sul tavolo'
Tanti cortei, poche tensioni. A Roma in centomila
Sanremo 2019, vince l'italo-egiziano Mahmood



wordpress stat