| categoria: riceviamo e pubblichiamo

Questione di educazione (mancata) al Bioparco di Roma

bioparco_romaLettera aperta a una madre incontrata al Bioparco.
Cara madre di Alessio, non so se te ne sei accorta ma tuo figlio è un teppista anche se ha sette anni. Sì, perché è un teppista un bambino di sette anni che lancia sassi e legni e salamini ai piccioni, ai gabbiani e ai pavoni ovunque nel mondo, ma in un bioparco, dove si tutela l’ambiente, a maggior ragione. La colpa però, cara madre, non è del tuo splendido figlio con gli occhi azzurri, la colpa è tua, che ridi al suo torturare animali innocenti e la colpa è di quel genio del tuo compagno, che gli dice che i gabbiani sono spazzatura e gli dice anche che fa bene, La colpa non è della scuola, dell’ambiente, della società, del fatto che hai poco tempo, non è vero nulla… la verità è che non ti va di educarlo perché educare un bambino è stancante, è difficile e ti toglie il tempo che usavi per chattare con la tua amica. Ecco, quando farà lo stesso con un ragazzino tutti grideranno al bullo, invece si tratta di un ragazzo i cui genitori non si vogliono impegnare. Cara madre di Alessio, sono davvero dispiaciuta per tuo figlio, perché ha dei genitori che hanno abbandonato la loro missione, sono dispiaciuta per gli insegnanti che avrà tuo figlio, perché sarà sempre colpa loro per te se lui si comporterà male e soprattutto mi dispiace perché quel povero gabbiano non ha reagito facendovi una bella cacca in testa.

Ps. Se mia figlia avesse osato un tale comportamento sarebbe ancora legata ad un albero del bioparco con tutti i bimbi a prendere i salamini e vedere chi prende meglio la mira: mia figlia è educata, come hai detto tu, è vero, ma non è così perché è nata così ma perché suo padre e io ci siamo impegnati che così diventasse.

Miriam S.

Ti potrebbero interessare anche:

"Sindaco, scenda dalla bici e si faccia un giro sulla sedia a rotelle"
A Roma fanno finta di non sapere che il sistema è marcio
Giu’ le mani dai diritti (sudatamente) acquisiti, le pensioni di reversibilita’ non si toccano



wordpress stat