| categoria: sport

Giro d’Italia 2017, seconda tappa e maglia rosa al tedesco Greipel

Giro d'Italia cycling race: second stageIl tedesco Andre Greipel (Lotto Solidal) ha vinto in volata la seconda tappa del Giro d’Italia, da Olbia a Tortolì, di 221 km, diventando così la nuova maglia rosa. Greipel ha preceduto in volata Roberto Ferrari e il belga Jasper Stuyven. Una volata caratterizzata dal contatto tra due degli sprinter favoriti, Fernando Gaviria e Caleb Ewan, con il colombiano che ha perso il pedale e l’australiano rimasto indietro. La maglia azzurra va all’eritreo Daniel Teklehaimanot; la maglia bianca a Stuyven.

La corsa – Anche la seconda tappa del Giro d’Italia, da Olbia a Tortolì di 221 km, è subito caratterizzata dalla fuga di cinque corridori, sulla falsariga di quanto successo ieri, quando i fuggitivi sono stati in testa dal secondo al 203/o chilometro. E a guidare la testa della corsa c’è di nuovo l’eritreo Daniel Teklehaimanot, già protagonista nella prima tappa, che, insieme con Andreetta e Shalunov, ha raggiunto Owsian e Koshevoy, i due subito all’attacco pochi metri dopo la partenza, dopo 13 km. Massimo vantaggio dei fuggitivi 6′ e 40″ dopo 44 km, poi allungo di Andreetta che si aggiudica il primo Gran premio della montagna a Nuoro, precedendo Shalunov e Teklehaimanot (maglia a pois per una settimana al Tour del 2015). A guidare il gruppo c’è il team della maglia rosa Postlberger, la Bora Hansgrohe, che al passaggio di Nuoro accusava un ritardo di 4′ e 25″. Nuoro, la città del premio Nobel Grazia Deledda, ha accolto con entusiasmo il passaggio della carovana rosa, ora diretta verso l’Ogliastra. Ma sono tantissimi i tifosi in tutte i centri attraversati dal Giro, nonostante l’assenza dell’idolo di casa Fabio Aru.

L’urlo del Gorilla: ‘dedico vittoria a mia mamma’ – L’urlo del Gorilla. A Tortolì, cittadina dell’Ogliastra che per la prima volta accoglie un arrivo di tappa, il protagonista del Giro d’Italia numero 100 è il tedesco Andre Greipel, vincitore in volata. Una vittoria con una dedica particolare, alla sua mamma, che – racconta il 34enne di Rostock- “sta vivendo un momento difficile. Ma è una guerriera, come tutti noi in famiglia, e supererà anche questo momento”. Indossa la maglia rosa con piglio orgoglioso: “E’ una maglia importantissima, è un orgoglio per me indossarla, anche ieri ci ho provato e domani mi divertirò ad indossarla per tutta la tappa”. Professionista dal 2005, la nuova maglia rosa del Giro è alla sua settima vittoria di tappa in carriera. Era uno dei suoi obiettivi stagionali, e l’ha subito centrato. “E’ stata una grande gara – commenta in sala stampa – non mi aspettavo che si arrivasse ad uno sprint di gruppo, visto il percorso pensavo ad attacco da lontano, all’ultima salita, ma il forte vento contro ha rallentato il gruppo e avvantaggiato i velocisti”.

Per la seconda tappa, il Giro d’Italia numero 100 arriva a Tortolì, in Ogliastra. 208 i km da percorrere verso sud. E’ una tappa di media montagna, che però potrebbe terminare con uno sprint di gruppo. La prima parte si svolge nell’entroterra Nuorese con saliscendi e tre lunghe salite: la prima per Bitti e Orune (non catalogata GPM), la seconda più dura verso il centro di Nuoro (GPM) e la terza per scollinare il Passo di Genna Silana (GPM). Gli ultimi 50 km sono prevalentemente in discesa o pianura, ma su percorso molto articolato che potrebbe creare difficoltà ai ricongiungimenti. Anche qui una volata, probabile, ma da conquistare. Traguardo a Tortolì situato in via monsignor Virgilio.

Ti potrebbero interessare anche:

COPPA ITALIA/ Inter va avanti ma rischia con il Trapani
Classe, sorrisi e Roma. Totti si diverte ancora
La Lazio umilia il Milan, per Inzaghi è un incubo senza fine
CALCIOMERCATO/ Kovacic è ormai Real, Juve su Eriksen e Lamela
Rio 2016/ Bolt suona la nona, "ora sono il più grande"
F1: HAMILTON POLE DA RECORD, FERRARI QUALIFICHE FLOP



wordpress stat