| categoria: sport

PIOLI ‘NON MOLLO MA SERVONO IDEE CHIARE

«È un momento in cui i giocatori vorrebbero dare di più ma non riescono, servirebbe più determinazione, più lucidità e più attenzione in alcune situazioni che possono essere decisive nella gara». Stefano Pioli analizza così la sconfitta odierna contro il Genoa. Il tecnico nerazzurro fa chiarezza poi sulle voci di sue dimissioni dopo la gara con la Fiorentina. «Mai pensato e non c’era nemmeno bisogno di scriverlo». Ma Pioli è molto chiaro anche sul futuro. «L’importante è che l’Inter struttura, l’Inter società esca con le idee chiare su quello da fare per il prossimo anno e credo che ci siano tutte le situazioni per poterlo fare – ha detto Pioli -. Questa per l’Inter è stata una stagione complicata che ha messo in evidenza qualità e difetti della squadra. Ora si dovrà lavorare per consolidare le qualità e migliorare i difetti». Una sconfitta segnata dalla doppia sostituzione degli attaccanti con Icardi molto freddo al momento del cambio. «Non ero pienamente soddisfatto dei loro movimenti e credevo fosse il momento della partita dove con più movimenti senza palla e più profondità ed energie fresche si potesse trovare qualche spazio in più. Icardi freddo? Se c’è stata freddezza è normale, come è assolutamente normale che non fosse contento. Nello spogliatoio per ora non abbiamo parlato ma ne parleremo. La porta del mio spogliatoio è sempre aperta per chiunque voglia spiegazioni». Si gode il ritorno alla vittoria in casa invece Ivan Juric. «Oggi sono felice – ha detto il tecnico croato -. I ragazzi sono stati veramente bravi e possiamo dire che hanno capito la lezione. Si vedeva la differenza di atteggiamento rispetto alla gara con il Chievo. Penso che abbiamo fatto partita una veramente completa, sia nel gioco che nelle occasioni e difendendo bene. Inoltre abbiamo messo la cattiveria giusta per portare la vittoria a casa. Oggi si sono viste quelle piccole cose che a volte ti portano i risultati a casa, Dovremo fare sempre così, secondo me sono ragazzi con poca malizia ma che oggi hanno tirato fuori il carattere che hanno». Una vittoria che non fa abbassare la guardia al tecnico rossoblù. «Palermo retrocesso? Nessuno regala niente, noi da domani proseguiamo il ritiro. Ci prepareremo al massimo per fare la partita della vita anche a Palermo. Vogliamo giocare per vincere e dare il massimo anche perché sotto non mollano niente». (

Ti potrebbero interessare anche:

Menez trascina il Milan al successo, tris al Parma
Mancini si nasconde, cerchiamo di arrivare terzi
JUVE-DINAMO; SCONTRI CON ULTRÀ CROATI, FERITI
Sei Nazioni di Rugby, altro pesante ko per l'Italia, schiacciata 63-10 dall'Irlanda
Donnarumma rinuncia alla maturità e va a Ibiza
Milano-Cortina, Malagò: 'Mai detto Giochi a rischio'



wordpress stat