| categoria: sanità Lazio

Emergenza ricoveri al Goretti di Latina

Tempi di attesa infiniti, accessi record e numeri che ricordano quelli di dicembre e gennaio scorso, nel periodo del massimo picco influenzale, quando si diceva che il sovraffollamento non era che una condizione “fisiologica” dovuta alla stagione. Ma ora, a maggio inoltrato, il pronto soccorso si è ritrovato in una situazione identica, se non peggiore. Ieri alle 9 di mattina erano già 50 i pazienti in attesa di ricovero al pronto soccorso.
E l’estate non è neanche iniziata. La situazione di allarme, troppo simile a quelle già viste, ha fatto scattare nel pomeriggio di ieri l’intervento dell’azienda e una riunione con la direzione sanitaria e i vertici della Asl. L’obiettivo: monitorare la situazione e approntare nuove misure necessarie ad affrontare l’emergenza. Già nelle prossime ore saranno probabilmente operative nuove disposizioni previste in un piano di gestione del sovraffollamento. Si parla di un programma di dimissioni più rapide, di un blocco di ricoveri ordinari della durata di una settimana e di una temporanea sospensione delle ferie del personale, medici e infermieri. Ieri, intanti, in ospedale erano terminati persino i materassi disponibili.

Ti potrebbero interessare anche:

Alemanno: il nuovo commissario Palumbo disponibile ad un incontro
Viterbo, in fumo 840mila euro l'anno per l'ex Ospedale Grande
San Camillo, i sindacati: 'Non è strumentalizzazione, assistenza compromessa'
IL PUNTO/ La cabina di regia non ne azzecca una. Contestato a Frosinone anche Macchitella
S.GIOVANNI ADDOLORATA/ Anestesia, un reparto sempre in prima linea
Alla Asl di Viterbo scatta il piano triennale per 400 assunzioni



wordpress stat