| categoria: sport

INTERNAZIONALI/ Sharapova ko, delusione Vinci

2443603_2136_rzz_6740120515_jpg_pagespeed_ce_UAm0-8p59K Finisce tra lacrime e smorfie di dolore il torneo di Maria Sharapova. La russa è stata costretta alla resa contro la croata Lucic-Baroni per un problema muscolare. Tutto succede sull’1-0, 40-40, con le atlete che hanno vinto un set per parte. Masha fa una smorfia e chiede l’intervento del fisioterapista. Poi sparisce nel tunnel degli spogliatoi. Rientra in campo con una vistosa fasciatura alla coscia sinistra. Sforna un ace, un doppio fallo e due servizi vincenti: è chiara la volontà di non arrivare allo scambio. Lo si vede meglio nle turno successivo di battuta della croata. Maria non può correre, ma tirando vincenti a tutto braccio riesce anche a procurarsi le occasioni per andare 3-0. Ma sarebbe stato un miracolo. Masha ha le lacrime agli occhi, guarda il suo staff di continuo. quando la Lucic-Baroni tiene il game, la Sharapova si arrende, dà la mano all’avversaria e saluta Roma.

Un addio talmente doloroso che Masha non si presenta nemmeno in conferenza stampa. Affida a una nota poche, ovvie, parole. «Mi scuso per essermi ritirata nel match di oggi – scrive Maria – Farò tutti gli esami del caso per assicurarmi che non sia nulla di grave. Voglio ringraziare il torneo per avermi dato l’opportunità di giocare questo torneo così speciale».
L’addio di Masha arriva al termine della giornata che ha visto “perfezionata” la debacle azzurra. Dopo i cinque eliminati di ieri, oggi è arrivata subito la sconfitta di Roberta Vinci. La 34enne tarantina, numero 30 del ranking mondiale, ha ceduto per 6-2 6-1, in un’ora e 19 minuti di gioco, alla russa Ekaterina Makarova, numero 43 Wta. La conferma dello scarso feeling tra la terra rossa capitolina e Roberta, mai oltre il terzo turno (peraltro raggiunto solo nel 2013) in 19 partecipazioni. Con l’uscita della Vinci non ci sono più azzurre in tabellone.

Affranta Robi alla fine del match. Con poca voglia di parlare di futuro. «Non voglio dire se mi ritiro e se vado avanti – ha detto in conferenza stampa, dopo il ko – ma è molto difficile che il prossimo anno mi vediate a Roma. Adesso andrò a Strasburgo e poi a Parigi. Non so se valgo l’attuale posizione nel ranking».

Ti potrebbero interessare anche:

Tim Cup, Lazio stende il Catania e vola in semifinale
COPPA ITALIA/ Benitez re di coppe, 3-1 alla Fiorentina, trofeo al Napoli
MONDIALI/ La Nigeria non sfonda, è 0-0 con l'Iran
Nazionale, Sacchi lascia le giovanili: "Troppo stress"
Torna Balotelli e segna, Milan sbanca il Friuli
Milan cinese, Badelj e Cuadrado per Montella



wordpress stat