| categoria: economia

L’alimentare traina la crescita (+3,4%) nella grande distribuzione

db54c73d5669a5ab3715a33f7dd29069L’alimentare, tra food, beverage e prodotti per animali, traina la crescita nella grande distribuzione con un +3,4% del fatturato prodotto tra gennaio-aprile 2017 rispetto allo stesso periodo del 2016.

Frenata, invece, per i prodotti non alimentari che hanno subito un decremento del 2,5%. I dati sono stati presentati al Forte Village di Pula nella giornata iniziale de Linkontro, l’appuntamento annuale di Nielsen che mette a fuoco i trend del largo consumo in programma sino a domenica 21 maggio.

L’incremento complessivo del largo consumo è pari al +2,1% mentre il valore aumenta del 2,2%, il miglior risultato degli ultimi cinque anni. Segno positivo anche per gli investimenti pubblicitari: +3,6%. Nell’ambito dell’alimentare a dare una spinta alla crescita sono soprattutto i prodotti definiti “naturali e salutistici” come biscotti integrali +14%, frutta secca +12%, yogurt greco +12%, frutta disidratata +10%, integratori vitaminici +9%, cioccolato (tavolette) +9% e salmone affumicato +7%. Il biologico ha raggiunto un giro d’affari di quasi 1,3 miliardi di euro (+19,8%), con 5,2 milioni di famiglie che lo acquistano tutte le settimane (in crescita di 1 milione rispetto al 2015). Il boom dei prodotti integrali ha generato vendite per 435 milioni (+11,3%), mentre il senza glutine raggiunge 170 milioni (+26,3%), il senza lattosio 376 milioni (+6,3%) e le bevande vegetali 198 milioni (+7,4%).

Per macro categorie Nielsen segnala: frutta e verdura +9,6%, freddo +5,8% (gelati +2%, surgelati +6,4%), pane/pasticceria/pasta +5,7%, pet food +3,8%. Gli italiani non rinunciano però a prodotti che offrono esperienze di gusto superiori, o un elevato contenuto di servizio: zuppe pronte fresche +33%, piatti pronti freschi (sushi) +25%, caffè in capsule +20%. “La velocità del cambiamento – dichiara l’amministratore delegato di Nielsen Italia Giovanni Fantasia – è la principale caratteristica degli attuali mercati. I dati evidenziano uno scenario mutevole e frenetico, che impone alle imprese di adattarsi alla nuova domanda del consumatore. Occorre cogliere le opportunità con agilità, come conditio sine qua non per continuare a crescere

Ti potrebbero interessare anche:

Bot all'asta dalla prima decade di aprile
E adesso la Spagna ci supera in competitività
Industria: il 2014 ancora in rosso, ma da dicembre si vede la ripresa
Partecipate: in 800 casi ci sono più consiglieri che dipendenti
Volkswagen verso accordo in Usa su dieselgate, vale 10 miliardi di dollari
Sprint rottamazione cartelle, in due mesi già 100mila adesioni



wordpress stat