| categoria: sanità

Standard ospedalieri, decreto da revisionare? Troppe rigidità

“L’applicazione del Dm 70 mostra di fatto alcune importanti criticità. La prima? L’estrema rigidità del criterio che vincola la programmazione ospedaliera regionale nel rapporto con gli erogatori privati per i quali, alcuni indicatori, non sono idonei a verificarne la effettiva qualità. Per questo il Decreto deve essere revisionato, proprio per renderlo più elastico nella sua implementazione”.

È questo il messaggio lanciato da Gabriele Pelissero, Presidente nazionale Aiop, nel corso dell’Assemblea Generale dell’Aiop, l’Associazione dell’Ospedalità privata, organizzata ieri a Palermo e dedicata appunto al Dm 70/15.

Le criticità. Per l’ospedalità privata, il Dm 70, che riorganizza la rete ospedaliera nazionale individuando criteri omogenei sul territorio nazionale stabilendo nuovi standard ospedalieri per pubblico e privato, suscita ampie perplessità per la sua “rigidità e per la sua concezione centralista, che tende a limitare l’autonomia regionale e le scelte di cura dei cittadini. Il decreto non appare, altresì, orientato a favorire il pluralismo degli erogatori ed attua una visione particolarmente penalizzante per le piccole strutture ospedaliere, limitatamente a quelle di diritto privato”.

Ancora di più preoccupa che i criteri in stabiliti “non tengano conto dell’adattamento alle differenti realtà regionali, impongano specialità previste secondo bacini d’utenza rigidi senza un’analisi dei flussi dei pazienti, impongano un numero minimo di posti letto per acuti diverso rispetto ad altre realtà europee, senza la certezza di una reale alternativa di cura territoriale. Inoltre, non assicurano una gradualità del processo di riorganizzazione secondo il modello hub and spoke e non considerano le numerose realtà sanitarie intermedie frutto anche di investimenti sostanziosi.

Per questi motivi l’Aiop ha voluto approfondire il tema, interrogandosi sulla reale applicabilità del Dm 70/15 e sull’opportunità di contribuire a un’auspicabile ed adeguata “manutenzione” della legge, soprattutto in merito alla necessità di introdurre elementi di elasticità applicativa e momenti di revisione condivisa dai diversi operatori.

“Nell’intenzione del legislatore il Dm 70/15 avrebbe dovuto rendere prioritarie la definizione sull’intera rete nazionale di standard qualitativi sicuri e una riorganizzazione tesa ad un uso appropriato delle risorse disponibili – ha affermato Pelissero – tuttavia, la sua applicazione, nel vivo delle realtà sanitarie italiane, ne ha mostrato alcune importanti criticità, prima fra tutte l’estrema rigidità del criterio che vincola la programmazione ospedaliera regionale nel rapporto con gli erogatori privati per i quali, alcuni indicatori, non sono idonei a verificarne la effettiva qualità. Aiop, quindi – continua il Presidente – auspica che il regolamento Balduzzi possa essere revisionato, al fine di renderlo più elastico nella sua implementazione e dare la possibilità a ciascuna Regione di tenere conto delle peculiarità locali e della importante componente privata, che rappresenta una risorsa che non va dispersa, in quanto promotore di efficienza e servizi in tutto il Paese nell’interesse dei cittadini. Ritengo che, di fatto, quanto avvenuto in Sicilia rappresenti la dimostrazione concreta che con il dialogo, con il buon senso e con un po’ di flessibilità il Dm 70 possa essere implementato senza troppi traumi”.

Gli scenari in Sicilia. Proprio in Sicilia l’ospedalità privata, come ha ricordato Barbara Cittadini, Vice Presidente nazionale Aiop e Presidente Aiop Sicilia, ha dovuto affrontare, per prima ed in tempi brevi, il tema dell’applicazione del Dm 70/15, in considerazione dell’esigenza improcrastinabile che la Regione aveva di rielaborare la rete ospedaliera regionale e far fronte ad alcune emergenze che andavano tenute sotto osservazione. E i risultati raggiunti sono stati “Abbiamo attivato un confronto, sereno e collaborativo con la Pubblica Amministrazione – ha detto Cittadini – per arrivare ad un progetto che, pur nel rispetto inevitabile dei principi del Dm 70, consentisse, comunque, a tutte le aziende associate, attraverso l’efficientamento della propria offerta, di rimanere nella rete e di salvare il patrimonio di risorse umane, knowhow e tecnologie che rappresentano”.

Nel corso del confronto istituzionale, ha aggiunto la Vice Presidente Cittadini “abbiamo avuto modo di evidenziare che per riorganizzare, in maniera efficiente, la rete ospedaliera è indispensabile, innanzitutto, analizzare la realtà nella quale si opera, comprendere i bisogni del territorio e non eliminare acriticamente, con un tratto di penna, realtà che svolgono un ruolo importante per la comunità e che vanno soltanto efficientate. Abbiamo sostenuto che la riconversione non può avere riguardo, asetticamente, solo al numero di posti letto presenti nella struttura, ma deve tenere conto, anche, del fabbisogno, del dato epidemiologico, delle peculiarità territoriali, della qualità delle strutture, che non possono essere misurate, semplicisticamente, con volumi e indici occupazionali. E, soprattutto, abbiamo dimostrato che alcuni criteri del Balduzzi, come l’indice occupazionale, non sono adeguati a valutare le performance del privato, perché lo stesso è soggetto a tetti di spesa invalicabili, che impediscono di esprimerne le reali potenzialità. Abbiamo sempre tenuto presente che dovevamo operare una scelta di responsabilità nei confronti di tutti gli stakeholders di sistema. Attraverso, quindi, una rimodulazione spontanea, ma coerente con i principi di legge vigenti, siamo addivenuti ad un progetto, in linea di principio, condiviso”.

Insomma, ha concluso Cittadini, quello realizzato in Sicilia “è stato un esempio virtuoso di come si possano raggiungere, attraverso la lungimiranza e il coraggio degli imprenditori da un lato e la disponibilità al confronto della Pubblica amministrazione dall’altro, obiettivi importanti per la sanità e la collettività. Oggi sono soddisfatta, non solo come imprenditore, ma anche come siciliana, che la nostra Regione abbia potuto realizzare la rete ospedaliera, effettuando un efficientamento reale della rete privata che, se, da un lato, comporterà delle modifiche organizzative delle nostre strutture e, dunque, dei sacrifici, dall’altro, contribuirà a dare una risposta adeguata alla domanda di salute dei siciliani.

27 maggio 2017
© Riproduzione riservata

Ti potrebbero interessare anche:

Task force per i controlli alle strutture che ospitano disabili, oggi prima riunione
EBOLA/Parla l'epidemiologo, sì alle precauzioni, ma no allarmismi per ogni febbre
Censis, gli italiani temono tumori e non autosufficienza
BOX/ Dal dentista agli esami medici, le rinunce degli italiani
Manca il personale, sospesi ricoveri al 'Cardarelli' di Campobasso
Ok legge che estende screening neonatale a 40 malattie rare



wordpress stat