| categoria: attualità

Torino, dopo Piazza San Carlo sindaco Appendino in difficoltà

053116027-c52acf97-a5f0-4a05-b1eb-d00ecaeaeb1fVia d’uscita per levarsi dall’impaccio, dopo la notte di panico in piazza San Carlo, o percorso delineato quando nessuno poteva immaginare che il raduno bianconero per la finale di Champions League si sarebbe trasformato da festa in tragedia, a questo punto, poco importa. L’ipotesi che la sindaca Chiara Appendino sia sul punto di lasciare a un assessore della sua squadra la delicata delega alla Sicurezza e alla Polizia municipale che sin dal suo insediamento aveva deciso di tenere per sé, nelle ultime ore, si fa strada con sempre maggiore insistenza nelle stanze al piano nobile del Palazzo di Città.
Il passaggio che nessuno ufficialmente conferma, ma viene dato per certo tra le stesse file della maggioranza Cinque Stelle, avverrebbe all’interno di un rimpasto, in parte preannunciato ad aprile, in cui rientra la riassegnazione di un pacchetto di deleghe chiave, sinora tutte mantenute dalla prima cittadina: il Decentramento (che andrà a Marco Giusta), la Partecipazione (a Paola Pisano) e la Protezione civile, che sarà assegnata a Stefania Giannuzzi.
Assegnando la responsabilità dei Vigili urbani a un suo assessore, prevedibilmente nel giro della prossima settimana, la prima cittadina spegnerebbe il fuoco di fila delle responsabilità che si è alzato contro di lei dopo il fattaccio di piazza San Carlo, e darebbe un segnale chiaro: non solo la sicurezza durante i grandi eventi, ma anche i delicati dossier sui campi rom, l’ex Moi, la malamovida, sono seguiti a tempo pieno dall’amministrazione. Tra i nomi più quotati per assumere la carica di assessore alla Sicurezza c’è quello dell’attuale assessore allo Sport Roberto Finardi, un passato da atleta delle fiamme gialle, ma c’è anche chi azzarda un ripescaggio per l’ex comandante dei vigili urbani Alberto Gregnanini.
Sembra non essere giunta a caso, dunque, la richiesta dei Moderati, che ieri, con il loro leader Giacomo Portas, il capogruppo Silvio Magliano e i presidenti delle Circoscrizioni Uno e Sei, Massimo Guerrini e Carlotta Salerno, hanno invitato la sindaca a “chiedere scusa ai torinesi e, se vuole continuare a fare il sindaco, a rimettere almeno le deleghe alla Sicurezza e ai Vigili urbani”.
Ieri in Sala Rossa la sindaca non ha fatto cenno dell’eventualità di cedere la delega alla Sicurezza, nemmeno durante l’intervento, assai scarno, con cui ha replicato agli attacchi delle opposizioni. “Ci attendevamo da Appendino un’assunzione di responsabilità, ma non c’è stata”, ha attaccato il capogruppo del Pd Stefano Lo Russo, parlando di “lacune organizzative evidenti”, di un “grottesco scarico di responsabilità” e di una “figuraccia internazionale, per una città che ha saputo organizzare le Olimpiadi”.
Così, mentre il Pd ha chiesto alla sindaca non le dimissioni “ma le scuse ai torinesi e all’Italia”, oltre che di “individuare i responsabili operativi di quanto successo”, a chiedere un passo indietro è stato il capogruppo della Lega Nord Fabrizio Ricca: “C’è stata una gestione della piazza scandalosa che merita di appurare i responsabili. Entro la settimana – ha detto – lei deve dare a Torino i nomi dei responsabili e chiederne le dimissioni o, se non riesce a farlo, deve farsi da parte perché chi non porta una soluzione è parte del problema”. Una richiesta a cui si è associato Roberto Rosso, mentre l’unico a parlare

a nome del M5s, Aldo Curatella, dava la colpa al panico: “Una bestia ingestibile”. E il consigliere Alberto Morano sferrava l’attacco finale: “Lei sindaco Appendino era tranquillamente a Cardiff a guardare la partita – ha attaccato quest’ultimo – mentre è stata incapace di prevedere quello che poteva succedere: ma governare – ha aggiunto – significa prevedere, attuare misure di prevenzione e assumersi le responsabilità

Ti potrebbero interessare anche:

Sex festival a Milano, Maurizia Paradiso scappa con l'incasso
Spiraglio sul rientro di Latorre in Italia, ma nuove accuse sono all'orizzonte
MIGRANTI/ Berlino, sei miliardi per gestire la crisi
E' morto Ettore Bernabei, fece la storia della Rai
Processo Maugeri: Formigoni condannato a 6 anni
SCHIARITA?/ Seul, colloqui con Nord Corea sulle Olimpiadi invernali



wordpress stat