| categoria: sanità

Tac e risonanze mai effettuate, 7 arresti a Napoli

I cinque amministratori di sette centri di diagnostica convenzionati con sede nelle province di Napoli e Caserta e un medico di base – secondo l’accusa dei Carabinieri – truffavano il Servizio Sanitario Nazionale, ottenendo rimborsi per Tac o Risonanze magnetiche mai effettuate. Questa mattina sono stati arrestati insieme a un impiegato amministrativo ASL. I militari della Compagnia di Bagnoli hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari emessa dal gip di Napoli su richiesta della locale Procura.

I 7 arrestati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla truffa al Servizio Sanitario Nazionale, di riciclaggio e di falsità materiale commessa da pubblico ufficiale. Nel corso di indagini della Stazione Carabinieri di Posillipo coordinate dalla Procura partenopea, sono stati ricostruiti i tutti i passaggi di una truffa al Servizio Sanitario Nazionale finalizzata a ottenere rimborsi per costosissime prestazioni sanitarie (TAC o Risonanze Magnetiche) che gli indagati avevano fatto risultare effettuate in favore di pazienti del tutto ignari.

Ti potrebbero interessare anche:

Aids/ In 26 anni oltre 700mila telefonate al numero verde dell'Istituto Superiore di Sanità
Pos mobile per i medici di famiglia, Asl To5 prima a partire in Piemonte
La classifica delle Regioni in base ai Lea. Prima Toscana, ultima la Calabria. Il Lazio? Tredicesimo
Sanità e assistenza, Ania si candida ufficialmente a «sostenere» il sistema
Al Sud si muore di più, +5-28% per cancro e malattie
VIRUS DEL NILO: PRIMO CASO A PORDENONE MA NON C'È ALLARME



wordpress stat