| categoria: attualità, Senza categoria

Marco Prato suicida in cella

bb1a19d20bf7c5397da364dc6e326565
Marco Prato si è suicidato all’una e dieci della scorsa notte nel carcere di Velletri dove era stato trasferito a marzo da quello romano di Regina Coeli in attesa di giudizio. Il giovane pierre finito in cella insieme con Manuel Foffo per l’atroce delitto di Luca Varani, si è recato in bagno, ha infilato la testa in un sacchetto di plastica e ha respirato il gas contenuto nella bombola che è in dotazione ai detenuti. Il suo compagno di cella stava dormendo e non si è accorto di nulla.

In cella Prato ha lasciato un messaggio per spiegare il gesto: si sarebbe suicidato per «le menzogne dette» su di lui e per «l’attenzione mediatica» subìta.

Il giovane aveva scelto di farsi processare con il rito ordinario, mentre il complice Foffo era già stato condannato a trenta anni di carcere con l’abbreviato. Il processo nei confronti di Prato è iniziato ad aprile scorso. In carcere Prato aveva scoperto di essere sieropositivo. Continuava a professarsi innocente dicendosi succube di Foffo.

Il 4 marzo 2016 i due giovani avevano straziato, dopo un festino a bese di alcool e droga, il corpo di Varani. Durante le indagini, condotte dal pm Francesco Scavo, si sono accusati a vicenda. Il pierre aveva scelto di parlare con il magistrato solo dopo molti mesi. Il carcere, la vita senza futuro, il rimorso, devono avergli fatto decidere che era meglio morire.

Prato aveva già provato a togliersi la vita: nella stanza d’albergo in cui si rifugiò subito dopo l’omicidio furono trovati dei biglietti indirizzati ai suoi genitori. «Chiedo scusa a tutte le persone a cui ho fatto qualcosa – si leggeva in uno dei messaggi -. Vi scrivo mentre me ne sto andando». «Sto male o forse sono sempre stato così, ho scoperto cose orribili dentro di me e nel mondo. Fa troppo male la vita» scriveva ancora il giovane.

«Una notizia tragica ma noi avevamo lanciato l’allarme mandando fax e presentando istanze in cui segnalavamo il rischio a cui poteva andare incontro anche Manuel Foffo», afferma ora l’avvocato Michele Andreano che ha seguito Foffo nel processo abbreviato. «Ci tengo a precisare che io non sono più l’avvocato di Foffo, ma questa vicenda – riapre la questione del controllo che alcuni detenuti devono necessariamente avere all’interno delle carceri. Attualmente Foffo è detenuto a Rebibbia in una struttura sorvegliata. Per Prato non so qualche fosse il regime cui era sottoposto ma i controlli sono assolutamente necessari».

Ti potrebbero interessare anche:

A Rimini il concorso 1000 Idee per nuovo gusto-gelato dell'anno
Grillo: sosterremo Dario Fo per il Quirinale
Caso Lusi, al via il processo: Rutelli parte civile
Quasi tre milioni ai gazebo, Renzi stravince, basta inciuci
Grecia, ok al prestito ponte da 7 miliardi. E intanto Tsipras pensa al rimpasto
Istanbul, blitz della polizia turca nei covi Isis dopo la strage in aeroporto



wordpress stat