| categoria: Dall'interno, Senza categoria

Voto di scambio e Cosa Nostra a Niscemi, 9 arresti, anche l’ex sindaco

550x189x2532805_0825_mafiacalta_jpg_pagespeed_ic_FBKj4n9K1KLa Polizia di Stato di Caltanissetta ha eseguito nove ordinanze di custodia cautelare per i reati di associazione mafiosa e scambio di voti emesse dal G.I.P. del Tribunale di Caltanissetta, su richiesta della locale DDA. Le indagini degli uomini della squadra mobile, insieme a quelli del Commissariato di di Niscemi e Gela, hanno permesso di accertare che appartenenti a «Cosa Nostra» di Niscemi e di Gela si incontravano in aperta campagna per discutere accordi politico-mafiosi. Coinvolti anche soggetti politici di Niscemi, tra cui ex amministratori di quel Comune.

C’è anche il sindaco uscente di Niscemi (Caltanissetta) Francesco La Rosa tra i nove arrestati. La Rosa era candidato a sindaco e domenica scorsa ha perso il ballottaggio contro Massimiliano Conti, eletto sindaco. Per lui, un ex consigliere comunale della sua lista e due esponenti del suo entourage sono stati disposti gli arresti domiciliari. Raggiunto dall’ordinanza anche il presunto capomafia di Gela Alessandro Barberi, già detenuto. Secondo gli inquirenti, La Rosa avrebbe stretto «un patto con Cosa nostra alle amministrative del 2012». E dopo avere vinto avrebbe condizionato l’attività amministrativa di questi anni. Manette anche per due uomini dell’entourage di La Rosa

Ti potrebbero interessare anche:

Persi in sanità 60 miliardi l'anno per malaffare e corruzione
Il radicchio rosso Treviso ha piu' antiossidanti dei mirtilli
Gli Abba pensano a reunion per 40 anni di Waterloo
Migranti, truffa da 9 milioni nell'accoglienza. Un arresto
Federalberghi lancia #emozionialcentro
CC accusati di stupro a Firenze, stranezze e incongruenze



wordpress stat