| categoria: sanità Lazio

Catanzaro, violenze su una paziente Sla: arrestati nove tra medici e infermieri

Avrebbero commesso una serie di violenze psicologiche su una paziente affetta da Sla, paralizzata da cinque anni. Per questo motivo, nove persone sono state arrestate, tra medici e infermieri della clinica San Vitaliano di Catanzaro. Ora, si trovano ai domiciliari, su disposizione del gup Barbara Saccà. L’inchiesta «Urla silenziose» è stata coordinata dal procuratore Nicola Gratteri, dall’aggiunto Vincenzo Luberto e dalla pm Stefania Paparazzo. L’indagine, svolta dal Nisa e dalla Squadra Mobile, è scattata dopo la denuncia sporta dalla vittima.

Medici e infermieri sono accusati di maltrattamenti, aggravati dal fatto di aver agito «per motivi abbietti». Il sospetto degli inquirenti è che gli indagati abbiano vessato la donna per dispetto o addirittura per ritorsione, seccati per le continue richieste di assistenza fatte dalla paziente. I pm contestano ai sanitari di aver abusato dei propri poteri e di aver violato i doveri inerenti la loro funzione.

Dagli accertamenti è emerso che, nel corso degli ultimi tre anni, la vittima avrebbe subìto comportamenti persecutori, vessatori, a volte aggravati da insulti rabbiosi. Gli indagati le avrebbero spento l’audio del comunicatore. Spostando il suo monitor e impedendo quindi alla paziente di intercettare con le pupille il lettore ottico, le avrebbero reso impossibile leggere, usare internet, telefonare e scrivere mail, isolandola dal mondo circostante e costringendola a rimanere inerme nel letto per intere giornate

Ti potrebbero interessare anche:

Dall'Umberto I al San Filippo Neri, emergenza continua nella capitale
Perchè chiudono il "Grande Cocomero"
Arrivano i tagli: reparti accorpati, meno primari e nuovi manager
DIETRO AI FATTI/ Consultori, dalla legalità all’illegalità.Tickets, avvisi bonari e il “caso Ostia”
REGIONE/ Assistenza odontoiatrica, si cambia
IL PUNTO/ Allora è chiaro, la colpa è tutta dei direttori generali



wordpress stat