| categoria: esteri

Ex presidente del Brasile Lula condannato in primo grado per corruzione

L’ex presidente brasiliano, Luiz Inacio Lula da Silva, è stato condannato in primo grado per corruzione in uno dei processi dell’inchiesta Lava Jato – la Mani Pulite locale – nei quali era imputato.

La sentenza, emessa dal giudice Sergio Moro – pubblico ministero di Curitiba – prevede una pena di nove anni e sei mesi di reclusione.

Lula è stato ritenuto colpevole di aver ricevuto tangenti pari a 3,7 milioni reais (poco più di un milione di euro) – in parte riciclati nella ristrutturazione di un attico di lusso a Guarujà, sul litorale di San Paolo – per via di tre contratti stipulati tra l’impresa di costruzioni OAS e il colosso statale del petrolio, Petrobras.

Il giudice ha dichiarato l’ex presidente brasiliano interdetto dai pubblici uffici per 19 anni. La decisione tuttavia entra in vigore solo una volta esauriti tutti i gradi di giudizio. Lula, che si è detto pronto a candidarsi alle presidenziali del 2018, in base alla legge sulla ‘Ficha Limpa’ (Fedina Pulita) sarebbe dunque ineleggibile solo se nel frattempo venisse condannato anche da un organo collegiale.

Ti potrebbero interessare anche:

Torna l'India del 'branco', 16enne stuprata e arsa viva
La sfida di Mosca, maxi-accordo sul gas con la Cina
Scandalo Toshiba: bilanci truccati, dimissioni di massa
Brasile, gigante in crisi economica, etica e politica
Rogo piattaforma petrolifera nel Caspio, trentadue morti
Libia, camion bomba contro centro addestramento polizia: «50 morti»



wordpress stat