| categoria: Dall'interno, società

WiFi.Italia.it prima rete nazionale free

Una app per navigare senza spendere né consumare Giga, in tutta Italia, ricevendo anche contenuti e informazioni. È la rivoluzione di Wifi.Italia.It, prima rete wifi nazionale, libera e gratuita per cittadini e turisti, operativa da oggi (seppur ancora a macchia di leopardo e quasi esclusivamente al centro-nord) per iniziativa dei ministeri dello Sviluppo economico e dei Beni culturali e turismo e dell’Agenzia per l’Italia digitale. Una grande infrastruttura invisibile, che si inquadra anche negli obiettivi della Comunità europea in materia di telecomunicazioni, nata mettendo insieme ciò che già c’era, ovvero federando e integrando le reti free wifi metropolitane e regionali già esistenti. Una ‘mega rete’ nazionale con hotspot offerti da Comuni, Province, Regioni, ospedali, ma anche enti privati o musei, come le Scuderie del Quirinale a Roma. E che, rovescio della medaglia, oltre a contribuire alla diffusione del digitale nel paese e promuovere nuovi servizi, permetterà all’amministrazione pubblica di raccogliere dati preziosissimi su utenti e utilizzo della app.

Tra le prime città pioniere, Roma, Milano, Firenze, Bari, ma anche il Polesine, la provincia autonoma di Trento e l’Emilia Romagna. Scaricata la app, si è dentro con una prima e unica registrazione. “Uno strumento – spiega il ministro Dario Franceschini – oggi indispensabile per il turismo, che sarà sempre più esperienziale, autoorganizzato. Stiamo lavorando perché il wifi sia esteso anche dentro i musei”, ma potrà essere utile anche nel delicato tema del sovraffollamento delle città d’arte. “Immaginiamo – dice il ministro – cosa può volere dire poter segnalare a un turista: ‘non andare a Piazza San Marco, perché sono stati fermati gli accessi. Piuttosto scegli questo altro museo, che è a te vicino e non c’è fila’. Può essere uno straordinario strumento” anche per “governare la crescita” esponenziale del numero dei viaggiatori nel nostro paese e far sì che “l’Italia sia sempre più meta di un turismo colto, sostenibile, intelligente e non mordi e fuggi. Al quale si può indicare dove c’è l’eccellenza, di arte, cibo o shopping, accompagnandolo durante l’esperienza di viaggio”.

“L’Italia – prosegue il sottosegretario allo Sviluppo economico Antonello Giacomelli – sta recuperando su tutti gli aspetti della connettività”. WiFi.Italia.it “permetterà di avere una fotografia reale e completa del turismo sul nostro territorio. E, per la prima volta, ad avere questi dati non sarà un gigante del web, ma un paese, il suo sistema pubblico, disponibile a collaborare con tutti, soprattutto con i giovani. Ci sarà poi – conclude – il momento in cui parleremo anche di una rete wifi europea. Quello è l’obbiettivo”.

Ti potrebbero interessare anche:

Papa Francesco: non fatevi ingannare da santoni e leader del mondo
LIVORNO/La Digos indaga su un messaggio minatorio al sindaco
KILLERMILANO/ Dubbi sul malore di Giardiello, esami per capire se era messinscena
SISMA/ L'Aquila, riapre la prima chiesa nel centro storico
Incidenti domestici: 783 mila l'anno, donne e bimbi a rischio
Genova, cede diga di contenimento: si rischia altro greggio in mare



wordpress stat