| categoria: Dall'interno, Venezia

Venezia: festa del Redentore ‘blindata’

Rdentore Venezia, processione Venezia attende la ‘Notte famosissima’ con decine di migliaia di persone giunte in città, ma sarà una Festa del Redentore più ‘blindata’ che mai, a causa del rischio terrorismo. Il protocollo di sicurezza è stato implementato per la prima volta con un sistema di varchi presidiati e conta-persone per limitare a 70mila le presenze massime. Piazza San Marco e le fondamenta strategiche per assistere allo spettacolo dei fuochi artifiali sono transennate per mantenere libere le via di fuga. Una ‘stretta’ applicata sull’acqua, dove le barche sono state divise per stazza; le più grandi ai margini del Bacino, le più piccole all’interno.
Bloccata fin dal pomeriggio la vendita di alcolici, vietato l’uso di bottiglie e bicchieri di vetro. In città però si fa già festa, con le barche trasformate in banchetti galleggianti, e le lunghe tavolate piene di cibo e bevande, abellite da luminarie, lungo i canali e nelle rive principali che si affacciano sul Bacino di San Marco, in attesa dei ‘foghi’ a mezzanotte.

Ti potrebbero interessare anche:

CIE/Da Trapani Milo a Ponte Galeria, chiudere le strutture inadeguate
Giochi sporchi nell'editoria pontina, tra chiusure, fallimenti e resurrezioni sospette
Maturità: nomi commissari 'usciranno' a fine settimana
AssoTutela/Polizia di Stato: "Basta umiliazioni a chi muore per difenderci"
MALTEMPO/ In Puglia grandinate e trombe d'aria, un bollettino di guerra
Esumata la salma di David Rossi, ex capo comunicazione di Mps



wordpress stat