| categoria: salute

Da gamberi ad ambrosia, 5 allergie estive da cui guardarsi

Frutti di mare, pesche, vespe, acari e polline d’ambrosia: sono i 5 maggiori rischi estivi per gli allergici. A mettere in guardia è Marzia Duse, presidente della Società Italiana Allergologia e Immunologia (Siaip). “Le allergie d’estate non vanno in vacanza – spiega – anzi colpiscono all’improvviso proprio perché in una stagione in cui non sono attese”. Tra i primi rischi le punture di api, vespe e calabroni che spuntano appena si tira fuori qualcosa da mangiare o da bere e si trovano di frequente vicino docce e piscine. “In Italia – spiega l’esperta – 9 persone su 10 vengono punte da un imenottero almeno una volta nella vita e il 5-10% sviluppa una reazione anafilattica, più frequente tra gli adolescenti”.

Meglio quindi evitare di camminare scalzi sull’erba, odorare da vicino i fiori e, se si mangia all’aperto, coprire cibi e bevande. Ma il rischio può arrivare anche da un piatto di spaghetti allo scoglio. I crostacei, come gamberi e scampi, e i molluschi, come vongole e seppie, infatti contengono allergeni e, tipicamente d’estate, se ne fa ampio consumo. Inoltre, “possono contenere un parassita allergizzante, l’anisakis. Le conseguenze – sottolinea Duse – possono andare dall’orticaria allo shock anafilattico”. Ma anche la frutta non è innocua. In particolare quella con osso come pesche, albicocche e susine. “I sintomi sono in genere un senso di prurito in gola, normalmente non grave. Per evitarlo, vanno consumate sbucciate perché nella buccia si concentrano le sostanze allergizzanti”. Attenzione poi a una pianta poco conosciuta, l’ambrosia, che fiorisce in estate, soprattutto vicino strade e ferrovie. “Può provocare sintomi simili a quelli delle graminacee, come riniti, congiuntiviti e in alcuni casi asma”. Dito puntato infine contro gli acari, che in estate vanno in letargo, ma, conclude l’esperta, “i loro escrementi, che contengono gli allergeni, si nascondono nei divani e nei materassi delle case al mare o in campagna aperte raramente, e possono così scatenare inaspettate reazioni nei soggetti predisposti”.

Ti potrebbero interessare anche:

Due tazzine di caffè al giorno scatenano l'incontinenza maschile
Dal cancro al parkinson, l'abuso del cellulare sotto accusa
Aids, in Italia oltre seicento bambini nati con Hiv
Combattere le infezioni per rallentare l'invecchiamento
Ventimila bimbi a scuola di alimentazione e stili vita sani
Cure 'funzionano' di più se in corsia il medico è donna



wordpress stat